Commenta per primo
Una nuova, importante, partnership per masterEsports, il primo master accademico italiano in esports management inaugurato lo scorso febbraio: è ufficiale la sigla della collaborazione con IC406, incubatore di start up in ambito digital business.

L'obiettivo è quello di mettere a disposizione dei partner del corso e degli studenti un supporto strategico per lo sviluppo di nuove idee e progetti in ambito esports: un settore in continua espansione, con un indotto da oltre un miliardo, attività sempre più frequenti e un movimento da oltre 450 milioni di tifosi in tutto il mondo, in costante espansione anche in Italia.

La partnership si svilupperà in diversi ambiti: formativo, con l'intervento in aula di manager di IC406 a raccontare il lavoro di un incubatore per startup; strategico come supporto del masterEsports nella valutazione di nuove proposte; sviluppo, con l'opportunità che ogni partecipante avrà di presentare la propria idea di nuova startup in ambito esports potendo competere per entrare a far parte dell'incubatore.

Ad organizzare masterEsports, giunto alla sua seconda edizione, Mastersport Institute, di cui Calciomercato.com è partner, e School of Management LUM. Matteo Masini, CEO di Mastersport Institute, spiega in un comunicato: "Siamo lieti di annunciare un'altra edizione del primo corso executive completamente dedicato al mondo esports, pensato con l'obiettivo di far conoscere le dinamiche del sistema, dare strumenti per operare con successo nel settore, aprire nuove opportunità professionali e supportare i principali attori del settore nel loro percorso di evoluzione".

IC406 è ideato, diretto e sostenuto da Auriga, azienda leader di livello internazionale della realizzazione di soluzioni software tecnologicamente evolute nei vari ambiti dell’IT banking. Il CEO di Auriga Vincenzo Fiore spiega: "Il nostro è un incubatore che abbraccia l'innovazione in ambito digital business a 360 gradi. Siamo partiti dal Fintech ma da subito ci siamo rivolti anche ad altri ambiti, per essere presenti laddove il mercato è in fermento. È in questo modo che siamo approdati al mondo degli esport. Riteniamo infatti che questo sia un settore che esploderà in futuro. All'estero già si vedono dei segnali più decisi, ma anche in Italia il fenomeno sta crescendo e noi vogliamo esserci".