2

427 operazioni di mercato complessive e un bilancio tra acquisti e cessioni che recita un rosso di quasi 58 milioni di euro. E' questo il quadro offerto dalla Bundesliga, il campionato più in espansione d'Europa, che è ripartita dal consueto duopolio Bayern Monaco-Borussia Dortmund e dalla presenza di Bayer Leverkusen e Schalke 04 come outsider di lusso. Le cifre investite dalle formazioni finaliste dell'ultima Champions League e dominatrici del calcio tedesco degli ultimi 5 anni riflettono un predominio che è soprattutto nei fatturati.

I bavaresi hanno fatto pochi investimenti ma di spessore, con Mario Gotze che ha lasciato la Westfalia per trasferirsi ai rivali di sempre per la cifra record di 37.5 milioni di euro e il gioiello della cantera del Barcellona Thiago Alcantara (25 milioni) a rinforzare la mediana. Ma la grande scommessa resta ovviamente l'ingaggio di un allenatore come Pep Guardiola, chiamato a ripetere le meraviglie catalane in Germania e soprattutto a eguagliare il triplete di Heynckes. In uscita, il ds Sammer è stato bravissimo nel monetizzare le partenze di due calciatori preziosi come Mario Gomez e Luiz Gustavo, che hanno fruttato un totale di 33 milioni. Paradossalmente, il Borussia Dortmund, forte di un fatturato in crescita e mai raggiunto prima (305 milioni, +61,3% rispetto all'esercizio precedente) e in cerca del riscatto dopo la passata annata, ha speso meno dei bavaresi ma ha utilizzato l'incasso della vendita di Gotze per consegnare a Klopp due campioni in erba del calibro di Aubameyang e Mkhitaryan. Senza dimenticare i 9,5 milioni per l'ex milanista Sokratis Papastathopoulos.

Bayer Leverkusen e Schalke 04, che pure si sono resi protagonisti di diversi movimenti nell'ultima sessione di calciomercato, sono distanti anni luce, rispettivamente con i loro 21.9 e 25.7 milioni di euro. Le aspirine, che stanno attraversando un momento non brillantissimo a livello economico, si sono private della stella Schurrle (passato al Chelsea per 22 milioni), hanno puntato tutto sul sudcoreano Heung Min Son (pagato 10 all'Amburgo), che vuole riconfermarsi dopo la grande Bundesliga della passata stagione. Sono invece Kevin Prince Boateng e il giovane Leon Goretzka i volti più interessanti del nuovo Schalke di Keller, che ha venduto poco e comprato molto per non mancare la qualificazione alla prossima Champions League e provare a dire la sua in chiave titolo.