Commenta per primo

'Domenica scorsa sono stato felice di tornare al Franchi, accompagnando, insieme a Moreno Roggi, il figlio di Galdiolo, Alessandro, invitato dalla Fiorentina. Mi auguro che la società viola sia al fianco della famiglia dell'ex giocatore viola e mio compagno di squadra in questa sua terribile battaglia contro una malattia di cui vanno ancora definiti un po' i contorni'. Giancarlo Antognoni, ospite del programma '30esimo minuto' su Toscana Tv, ha raccontato le sue emozioni nel ritorno, dopo una lunga assenza, allo stadio Franchi, in occasione di Fiorentina-Napoli. 'Prima della gara ci siamo trovati con il presidente Andrea Della Valle, era in tensione per la prima partita di campionato, ma sono stato felice anche di ritrovare tante altre facce che conoscevo, come l'ex presidente viola Ranieri Pontello - ha aggiunto lo storico ex capitano gigliato -. Fa piacere tornare sul luogo del delitto, fa piacere rivedere gli amici del passato. Fiorentina-Napoli è stata una bella partita, con due squadre che si sono equivalse, ed il pareggio tutto sommato alla fine è stato il risultato più giusto'.

'Se Mihajlovic è convinto che la Fiorentina possa lottare per il quarto posto è un qualcosa di positivo, perché vuol dire che crede nella possibilità della sua squadra - ha concluso Antognoni -. A mio giudizio però, a mercato chiuso, manca qualche rinforzo alla rosa viola per essere completa, soprattutto in attacco. Il vero Mutu, quando tornerà, non sarà subito al 100% e Babacar può essere un attaccante di prospettiva, perché è ancora giovane. Il futuro della Fiorentina è nel senegalese, come in Ljajic, ma in questa stagione avrei preso un altro attaccante, per rendere meno gravoso e continuativo come impiego il lavoro di Gilardino'.