4
Massimo Ambrosini, durante la prima partita di “On the Pitch”, ha parlato a MilanTV, concentrandosi sul derby di Champions del 2003: "La rivalità in quegli anni, non me ne vogliano adesso, era diversa. Non ci potrà mai essere un derby più importante di quello per la posta in palio, per il momento, per i giocatori e per cosa volesse dire. C’era un silenzio strano quando le squadre sono entrate in campo, c’era una tensione che non si poteva liberare. La prima partita è stata molto tesa, molto bloccata. Ma anche la seconda e secondo me, se Sheva non si inventa il gol, si va ancora in quella direzione lì, una specie di limbo da 180 minuti. Quando subentri è complicato, c’è una sorta di liberazione per chi entra, perché comunque a stare fuori vivi le tensioni in modo differente, non hai la possibilità di non pensare. Perché quando giochi a volte sei libero. Negli ultimi minuti la salivazione era tipo Fantozzi, azzerata. Siamo passati dal polpaccio di Abbia per arrivare in finale. Il fischio finale con tutta la squadra che parte è stata una liberazione".