175
Da talento incompiuto a faro di una squadra che ora non vuole più fermarsi. Rimesso da Stefano Pioli nel suo habitat naturale, la trequarti, Hakan Calhanoglu è tornato a dispensare calcio di primissima qualità. Un numero dieci vero questo ragazzo nato a Mannheim, in Germania, da genitori turchi. Che ha avuto la fortuna di incontrare Zlatan Ibrahimovic lungo il suo cammino. Il campione svedese lo ha preso sotto la sua ala protettiva, gli ha regalato consigli utili all'evoluzione del suo gioco. E ora l'ex Bayer Leverkusen incide sempre, o quasi, in termini di assist e gol.  Dopo averlo atteso a lungo, per il Milan sarebbe davvero un peccato perderne le prestazioni a zero la prossima estate dato il contratto in scadenza a giugno.

LA SITUAZIONE - Lo stallo relativo alla trattativa per il rinnovo del contratto sta tenendo con il fiato sospeso i tifosi del Diavolo. Che non vedono l'ora di tornare a San Siro per applaudire le gesta di  Calhanoglu e dei suoi compagni. Hakan ora si sente coccolato, ben voluto e importante: fattori che per un giocatore molto sensibile come lui fanno la differenza. Secondo quanto appreso da calciomercato.com, nei giorni scorsi il nazionale turco ha rassicurato compagni e dirigenti sulla sua volontà di proseguire la sua avventura in rossonero. Se da un lato il Milan resta una priorità, dall'altro c'è un aspetto contrattuale che assume una certa importanza. Calhanoglu si aspetta un miglioramento netto rispetto all'attuale ingaggio da 2,5 milioni di euro netti. Quasi il doppio ma con l'apertura a un dialogo costruttivo considerando il momento difficile che sta attraversando tutto il mondo del calcio a causa della pandemia.
TRA MANCHESTER UNITED E NUOVO SUMMIT - Con una situazione contrattuale ancora indefinita e con tutta una serie di prestazione da campione Calhanoglu ha attirato su di sé le attenzioni di molti. Dalla Juventus all'Inter, passando per il Leicester e l'Arsenal: la possibilità di prendere un talento come Hakan a zero diventa un'opzione troppo allettante per non essere presa in considerazione dalle big europee. Si è parlato molto di una trattativa in corso il Manchester United e un accordo non troppo lontano. Ma fonti vicine al giocatore smentiscono l'esistenza di una vera e propria trattativa. Confermiamo i sondaggi di diversi club ma la priorità del classe 94' resta il Milan. Per un rinnovo che resta  complesso anche se non impossibile, anzi. In tal senso sarà molto importante la sosta per le nazionali del prossimo 15 novembre: in quella settimana è previsto l'arrivo in Italia dell'agente del numero 10 rossonero. Un vis a vis che servirà a Frederic Massara e Paolo Maldini per diminuire le distanze e giungere a un accordo definitivo. L'idea sarebbe quella di allungare l'attuale contratto fino al 2024.