99
Il Milan gioca un calcio organizzato dove tutto è curato nei dettagli. Riavvolgiamo il nastro alla partita di ieri: i rossoneri hanno trovato il gol vittoria a Cagliari con una magia al volo di Bennacer al termine di un’azione da 12 passaggi consecutivi. Straordinario per l’esecuzione dell’algerino ma fondamentale per il valore che ha nell’economia della corsa scudetto. Perché ora Pioli ha guadagnato un margine significativo sul quale costruire un finale di stagione che può diventare storico. 
BENNACER UOMO SIMBOLO - La forza del collettivo, specialmente nelle ultime 3 uscite, è esaltata dalla grande condizione fisica e mentale di diverse individualità. Theo Hernandez sta vivendo un inizio di 2022 che sembra il preludio alla definitiva consacrazione. Tomori, Kalulu e Maignan hanno abbassato la saracinesca con 3 clean-sheets consecutivi. Ma il vero uomo-copertina è Bennacer. Non segna tanto ma quando lo fa decide la partita. Ieri come a Bologna quando la vittoria stava per scappare via al Milan nonostante il vantaggio acquisito. Il centrocampista algerino ha alzato il livello delle sue prestazioni dalla trasferta di Napoli e nel momento più importante della stagione. Regia sempre lucida, sa quando deve velocizzare o rallentare, quando verticalizzare e quando cercare la giocata conservativa. Pioli lo ha rimesso al centro del progetto presente e futuro. La fiducia della società di tramuterà presto in una firma sul rinnovo del contratto fino al 2026. L’accordo è stato trovato alla fine di gennaio, ora va solo trovata la data giusta per le foto di rito e l’annuncio ufficiale. Per la felicità di una tifoseria, quella rossonera, che si è legata a Ismaël sin dal suo primo giorno a Milanello.