39
L'Olympique Lione è tornato oggi ad allenarsi per preparare al meglio la sfida di Champions League contro la Juventus. Rudi Garcia può sorridere per il rientro in gruppo di Depay e Reine-Adelaide, due giocatori che a fine 2019 avevano subito la rottura del crociato del legamento crociato anteriore. L'attaccante olandese ha motivazioni extra per quelli che potrebbero essere le ultime partite con la maglia del club francese.

RINNOVO LONTANO CON IL LIONE - Un mese fa il presidente Aulas, in una intervista a Le Progrés aveva messo le mani avanti: "Al momento non c'è nessuna novità, Memphis mi dice che è pronto a parlare quando tornerà. I suoi agenti dicono che invece sta pensando a una partenza se non parteciperemo a qualche manifestazione europea". La situazione non è cambiata nelle ultime ore, nonostante i contatti tra l'agenzia Seg e il vulcanico patron del Lione. La trattativa per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2021 sta procedendo a rilento, le parti sono molto distanti. Tanto che Depay sta pensando seriamente di cambiare casacca al termine della stagione. E lo farebbe al termine di due stagioni condite da numeri decisamente importanti: 22 gol e 17 assist in 51 presenze il primo anno, 12 reti e 16 passaggi vincenti in 47 gare il secondo, 14 gol e 12 assist nelle 18 gare di questa stagione, prima del sfortunato infortunio al crociato.
CI PENSANO MILAN ED EVERTON - Nella lista dei possibili rinforzi offensivi per il Milan campeggia anche il nome di Depay. Il nazionale olandese è un profilo molto gradito a Ralf Rangnick che lo voleva già con sé  al Lipsia. Memphis piace anche per la sua capacità di giocare senza problemi sia in attacco a tre che a due punte. I discorsi tra Almstadt e l'agenzia del classe 1994 vanno avanti da diverso tempo, il club rossonero è costantemente informato sulla situazione. La richiesta del Lione, per ora, è fuori mercato: 30 milioni di euro per un giocatore che andrà a scadenza di contratto tra dodici mesi. Il Diavolo osserva e resta in attesa ma dovrà stare attento alla concorrenza dell'Everton di Ancelotti.