66
"Zlatan ibrahimovic ti rende migliore": parole e musica di quasi tutti coloro che hanno giocato nella stessa squadra dello svedese, nel corso degli anni trascorsi tra i vari campionati, europei e non. Gli ultimi ad unirsi al coro sono stati l'ex compagno ai tempi del PSG, Marco Verratti, e l'attuale compagno nel Milan, Ismael Bennacer. Due che col pallone ci sanno fare, ma che non hanno dubbi.

'IBRA LEADER, TI FA CAMBIARE MENTALITA' -  Il primo: "Non sono sorpreso da Ibra, perché quando lo vedo arrabbiarsi così, anche a quasi 39 anni, è sempre buon segno e vuol dire che sta al meglio. E’ quando tace che c’è qualcosa che non va. Mi sembra sia sempre l’Ibrahimovic dei tempi del Psg che segna e soprattutto con il suo carattere fa cambiare la mentalità di tutti, in partita e in allenamento". Il secondo: "Ibra chiede di essere perfetti sempre, se sei intorno a Zlatan non puoi commettere errori. Ti rende un giocatore migliore. Quando hai in campo un giocatore come lui, cerchi di fargli avere la palla più velocemente possibile anche se ci sono altre soluzioni. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda, io gli do la palla così lui può fare quello che vuole. Lo cerco molto".

NUMERI PAZZESCHI - I numeri parlano chiaro e sono impressionanti. 41 punti in 19 partite , con una media di più di 2 punti a partita, 10 gol e 8 assist in quattro mesi a 39 anni. Il rinnovo di Zlatan è prioritario, lo sa Pioli ma lo sanno soprattutto i dirigenti rossoneri, a partire da Paolo Maldini.
LA PROPOSTA DI CONTRATTO, FILTRA OTTIMISMO - Lo svedese è ora a Monte Carlo, come si evince in una storia da lui pubblicata su Instagram, per incontrare il proprio agente Mino Raiola. La proposta è per un rinnovo annuale con opzione per il secondo anno, resta da trovare la quadratura economica ma filtra grande ottimismo per il buon esito della trattativa. Per migliorare il Milan.

@AleDigio89