"Tornare a Milano? Non lo so a Milano sono stato bene e non si sa mai, ma ora è difficile dire cosa accadrà". Parole e musica di Mateo Kovacic che dopo la sfida giocata da titolare fra PSG e Real Madrid ha aperto ancora una volta alla possibilità di un ritorno a Milano. L'esperienza con le Merengues lo ha fatto crescere e maturare, ma la folta concorrenza a centrocampo continua ad essere un problema per un ragazzo ancora giovane e di grandissime prospettive.

INTER SONDAGGIO A GENNAIO - Il primo club che ha provato a riportatlo in Italia è stato l'Inter che già lo scorso gennaio ha provato a parlare con il suo entourage per ottenere il suo prestito dal Real Madrid. Il club madrileno, che lo pagò proprio ai nerazzurri 29 milioni di euro, negò il prestito e l'Inter virò su Rafinha, ma la stima per il giocatore rimane immutata tanto che secondo Tuttosport il ds Piero Ausilio ci riproverà in estate.

IL MILAN CERCA UNO COME LUI - In casa Real Madrid dal prossimo giugno inizierà una piccola rivoluzione e fra i partenti è dato (fra gli altri) proprio il centrocampista croato. Chi sta cercando un centrocampista con le sue qualità è il Milan con il ds Massimiliano Mirabelli che lo conosce dai tempi dell'Inter e lo stima parecchio. Il costo dell'operazione non è proibitivo, ma il Milan ad oggi non ha un budget prestabilito data la precarietà societaria e l'incognita Fair Play Uefa. L'idea resta ed è viva, per un derby estivo che rischia di essere incandescente.