Con l'addio sempre più probabile ed imminente di Gonzalo Higuain al Milan, la società rossonera si butta a capofitto alla ricerca del suo sostituto.

Il primo nome che compare nella lista dei desideri di Leonardo e soci è quello del bomber del Genoa Kris Piatek. Convincere il Grifone a cedere il vice capocannoniere della Serie A non sarà tuttavia impresa semplice. Innanzitutto perché Enrico Preziosi, come ha avuto modo di ribadire più volte, non sembra avere alcuna intenzione di cedere il proprio gioiello a stagione in corso e casomai starebbe valutando una sua partenza soltanto per la prossima estate. Poi perché, alla luce dei tanti interessi che il centravanti polacco sta riscuotendo nei maggiori club d'Italia e d'Europa, la richiesta rossoblù è tutt'altro che bassa. Per portare Piatek lontano dalla Liguria potrebbero infatti non bastare neppure 60 milioni di euro, cifra attualmente fuori portata per un Milan sempre alle prese con i lacci del fair play finanziario.

Per abbassare sensibilmente le pretese rossoblù, secondo quanto riferisce il sito buoncalcioatutti.it, il Diavolo starebbe pensando ad una proposta economica integrata da una contropartita tecnica. Nella fattispecie al Genoa verrebbe girato nuovamente l'esterno uruguaiano Diego Laxalt, prelevato in estate proprio dal club di Villa Rostan ma fin qui deludente in rossonero, oltre ad una cifra ancora da stabilire con precisione.