100
È iniziato il countdown in casa Milan in vista del derby. Mancano 10 giorni esatti alla sfida contro l’Inter in programma a San Siro alle ore 18.00 e al momento Stefano Pioli non ha ancora ritrovato Zlatan Ibrahimovic e Ante Rebic, le prime due scelte per il ruolo di prima punta della rosa rossonera. Subito dietro, le gerarchie non sono ancora definite e lo dimostrano le scelte dell’allenatore nelle ultime partite del Milan.




DA COLOMBO A LEAO - Senza Ibrahimovic e Rebic (squalificato), ha giocato e segnato Lorenzo Colombo in Europa League contro il Bodo/Glimt, all’esordio dal primo minuto con la maglia rossonera. Nella gara successiva a Crotone è sceso in campo proprio Rebic e si è procurato l’infortunio al gomito, la lussazione che anche oggi costringe il giocatore a sottoporsi a terapie. Nelle ultime due contro Rio Ave in Europa League e Spezia in campionato è toccato rispettivamente a Daniel Maldini e ancora al classe 2002 Colombo. Ma l’ultima gara contro i liguri l’ha decisa la doppietta di Rafael Leao, spostato da Pioli al centro dell’attacco al 45’ dopo la sostituzione di Colombo. La domanda sorge spontanea: chi giocherà da prima punta nel derby contro l’Inter?
IBRA ASPETTA - Ibrahimovic attende ancora il doppio tampone negativo prima di tornare ad allenarsi a Milanello. Lo svedese sta bene, è asintomatico e non ha mai smesso di lavorare in casa da quando è stato fermato dalla positività al Covid il giorno di Milan Bodo/Glimt. Non vede l’ora di rientrare, lo dimostrano anche i messaggi social lanciati: gli applausi ai compagni davanti alla tv, gli auguri del Milan nel giorno del 39esimo compleanno e non solo. Questa volta, però, il rientro non dipende da lui come in altre occasioni.

REBIC - Tornando a Rebic, è ancora fermo per la lussazione al gomito sinistro che lo ha fermato a Crotone. Il Milan ha diramato il comunicato ufficiale sulle sue condizioni il 28 settembre e ha annunciato che "fra una decina di giorni è prevista una risonanza di controllo con valutazione specialistica". Nelle scorse ore ha avuto una prima visita di controllo, a metà della prossima settimana ce ne sarà un'altra e poi sarà più chiara la situazione in vista del derby. Al momento, il suo recupero è possibile: c’è fiducia nell’ambiente Milan per le condizioni del croato. In attesa della nuova visita di Rebic e del doppio tampone negativo di Ibrahimovic, in casa Milan è rebus punta in vista del derby.