35

Adriano Galliani, ad del Milan, parla ai microfoni di Milan Channel dopo la vittoria per 2-0 dei rossoneri sul Barcellona nell'andata degli ottavi di finale di Champions League: "Abbiamo fatto molto bene, Allegri è stato molto bravo, gli abbiamo lasciato il possesso palla nel primo tempo ma non sono mai entrati in area. Ho visto 11 giocatori che hanno giocato subito con voglia di vincere e grande concentrazione. Mi sembra che ce la giochiamo sempre col Barcellona l’avevamo dimostrato anche l’anno scorso. Al ritorno ci penseremo fra tre settimane ma il Barcellona quando dice che teme il Milan è vero, la nostra storia nelle grandi partite conta. Se penso dove eravamo dopo la sconfitta con la Lazio...".

"La vittoria la dobbiamo dedicare al presidente Berlusconi, se quel 20 febbraio del 1986 non avesse preso il Milan non avremmo vissuto questa storia, è giusto ricordare queste cose - aggiunge Galliani -. Berlusconi l’ha preso da un aula di tribunale e l’ha portato in vetta al mondo. Bisognerebbe ricordarlo sempre non solo dopo una vittoria col Barça. Per vincere devi avere uno stadio del genere, una grande storia, devi essere un grande club. Noi abbiamo una storia molto solida e questo viene fuori nelle grandi partite. Muntari? E’ venuto subito ad abbracciami, dopo la storia di questa estate l’avrei sbranato, stasera è stato straordinario e ha fatto un gran gol. Il miglior Boa della stagione? Credo di sì ma non voglio citare nessuno, abbiamo fatto la partita perfetta. Niang è entrato con grande personalità, gran assist per il Faraone e poi il tocco per il tiro al volo di Muntari che fortunatamente quest’anno hanno visto dentro... Scherziamo un po' dai, questa sera siamo felici”.