Il Milan di Gennaro Gattuso sta compiendo in questa stagione un percorso importante, che lo ha riportato dopo sei anni ad essere in corsa per la qualificazione alla prossima Champions League, a soli due mesi dal termine dal campionato: un processo decisivo avvenuto sotto l'egida del tecnico calabrese, capace di conferire alla propria squadra la serenità e il carisma necessari per affrontare una dura corsa ad ostacoli nella quale le rivali sono più dotate tecnicamente (vedi l'Inter) o più abituate a lottare per determinati obiettivi nell'ultimo periodo (vedi Roma e Lazio).

I NUMERI DELLA STAGIONE: DAL SECONDO AL NONO POSTO... - Quarto posto in classifica con 51 punti realizzati in 28 partite, frutto di 14 vittorie, 9 pareggi e cinque sconfitte (due contro l'Inter, le altre contro Juventus, Napoli e Fiorentina), meno 2 punti dal terzo posto occupato dall'Inter, che senza scontri diretti a favore sarebbe a 10 punti di distacco dai rossoneri, 43 reti realizzate e 26 subite. Napoli e secondo posto ancora ipoteticamente raggiungibili, visto i 9 punti di distanza, così come è possibile essere ripresi dalla Sampdoria nona, a nove punti di distanza ma prossimo avversario dei rossoneri a Marassi, alla ripresa dopo la sosta. ​

LA SINDROME DELLE BIG - In generale, quello che spicca analizzando il percorso in Serie A del Milan fino a qui, è la netta contrapposizione tra le partite contro le cosiddette big del campionato, ovvero le squadre che precedono i rossoneri, e le piccole, o almeno quelle che seguono in classifica: oltre alla sconfitta contro la Juventus, patita a San Siro, sono arrivate la sconfitta e il pari contro il Napoli, due sconfitte contro l'Inter, una vittoria al 93' e un pari contro la Roma, un pari e una vittoria contro l'Atalanta, i pareggi contro Lazio e Torino e la sconfitta contro la Fiorentina. Solo una possibilità di ottenere una duplice vittoria contro una squadra di livello, proprio la Samp di Giampaolo, già battuta all'andata. ​Il bilancio è di 1 punti realizzati finora contro le prime dieci in classifica. Una vera e propria sindrome delle big, che va ribaltata tramite un duro lavoro psicologico sugli interpreti e un cambio di mentalità che deve per forza arrivare nelle partite che mancano al termine della stagione.

SETTE SFIDE DECISIVE: CHAMPIONS E COPPA ITALIA... - Sampdoria, Juventus, Lazio, Torino e Fiorentina in Serie A, Lazio e poi eventualmente una tra Atalanta e Fiorentina in Coppa Italia sono sette esami che il Milan non può fallire e non può affrontare come fatto finora. In palio ci sono la conquista della Champions League e la vittoria della Coppa Italia: due obiettivi che potrebbero rendere la stagione ottima, come non accade da parecchio nella Milano rossonera. 

@AleDigio89