72
Il calcio si ferma, il mercato no. E' già partita la caccia del Milan al nuovo attaccante e in attesa di definire quale sarà il nuovo progetto tecnico sotto la gestione Gazidis, un primo nome è già stato individuato: quello di Arkadiusz Milik. La permanenza del polacco a Napoli è tutt'altro che certa, complice il contratto in scadenza nel 2021 e la volontà della società azzurra di investire su un nuovo centravanti per la prossima stagione. Il profilo dell'ex Ajax non è una novità in orbita rossonera, era già stato valutato anche dall'ex ds Mirabelli, ora torna di moda ma non senza complicazioni: anzi, la strada per Milik è tutta in salita, per il Milan ci sono due ostacoli da non sottovalutare.

COSTI ALTI - Il primo riguarda la valutazione del bomber polacco. Il ds Giuntoli ha ribadito la volontà di trattenere Milik a Napoli e di arrivare al rinnovo del contratto e questo è un chiaro avvertimento alle pretendenti: se il giocatore partirà, non lo farà a prezzo di saldo. L'intenzione della società azzurra è di non cedere per meno di 40 milioni di euro, una cifra importante per le casse dei rossoneri: per quanto questa possa essere ritoccata lievemente al ribasso per l'emergenza coronavirus e l'inserimento di contropartite tecniche (Gattuso stima Kessie e Calhanoglu) possa abbassare la parte cash, servirebbe comunque prima una cessione importante anche per questioni di Fair Play Finanziario.
E L'INGAGGIO... - Oltre al prezzo del cartellino, subentra poi un secondo nodo legato allo stipendio da 2,5 milioni di euro netti che Milik percepisce ora al Napoli, un ingaggio che il polacco vorfebbe ritoccare al rialzo sia in caso di permanenza in azzurro sia in caso di addio. E per il Milan si tratterebbe di una cifra superiore al tetto fissato per gli ingaggi: servirebbe un'eccezione, la seconda visto che nei piani di Elliott c'è già l'intenzione di 'sforare' per arrivare al rinnovo di Alessio Romagnoli. Costi alti, tra cartellino e ingaggio, la strada per Milik è in salita ma non è chiusa: perché il gradimento del Milan per il polacco è forte, resta uno dei candidati per raccogliere l'eredità di Ibrahimovic.

@Albri_Fede90