54

Il Milan continua ad aggrapparsi a Jeremy Menez e la speranza di riconquistare l'Europa, anche se dalla porta secondaria mai realmente gradita in casa rossonera, passa tutta dalle sue giocate e, soprattutto dai suoi gol. Prestazioni da attaccante vero, che cambiano radicalmente i progetti di mercato dell'ad Adriano Galliani in vista della prossima stagione.

NUMERI DA VERO NOVE - 30 presenze e ben 16 gol in stagione con l'aggiunta anche di 7 assist. Numeri da attaccante vero, in grado di caricarsi sulle proprie spalle il peso di tutto l'attacco rossonero. Filippo Inzaghi, nell'immediato post-partita della sfida contro il Palermo, ha rivendicato la scelta, fatta ad inizio stagione e accantonata più volte nel corso dell'anno, di schierare Menez al centro dell'attacco.  

SILURATO DESTRO - Già dalle prossime gare, infatti, Inzaghi riproporrà Menez al centro dell'attacco confermando la fiducia data a Cerci e Bonaventura. Bocciato, anche in virtù di un riscatto troppo alto fissato a 16 milioni di euro, Mattia Destro che non convince nello scacchiere tattico di Inzaghi e fatica ad integrarsi con i compagni di reparto. Anche in vista della prossima annata il club rossonero è intenzionato a dare fiducia a Menez come portabandiera dell'attacco evitando l'acquisto di prime punte sul mercato e, di fatto silurando lo stesso Destro che tornerà alla Roma in attesa di una nuova destinazione.

ET