Ivan Gazidis è il nuovo amministratore delegato del Milan. Il consiglio di amministrazione del club rossonero tenutosi ieri ha ufficializzato la nomina e ora si aspetterà soltanto la ratificazione del nuovo statuto da parte degli organi di controllo per rendere la carica operativa anche sulla carta. L'ex ad dell'Arsenal dovrà subito cimentarsi con un periodo tutt'altro che semplice per il futuro della scoietà perchè fra Uefa, campo e mercato è attesa da decisioni fondamentali per il proseguo dell'attuale progetto.

MENO IBRA - Vi abbiamo raccontato ieri (QUI IL PUNTO) delle riflessioni che sta avendo Ibrahimovic sul proprio futuro, scelte che non stanno dando l'accelerata definitiva al ritorno in rossonero della stella svedese. Riflessioni che sta avendo anche Gazidis non convinto al 100% né di impegnare un parte così importante del monte ingaggi per un giocatore di 37 anni e con gli ultimi due anni alle spalle costellati da problemi fisici e un adattamento ad un calcio diverso da quello europeo.
PIU' FABREGAS - Inoltre, aspettando la decisione della Uefa per il Fair Play Finanziario e quanto potrà incidere sul mercato rossonero, Gazidis, secondo il Corriere dello Sport, oggi potrebbe incidere molto più sull'affare Fabregas che non in quello per Zlatan Ibrahimovic. Il centrocampista spagnolo va convinto a sposare a cifre basse il progetto rossonero ancor più di quanto non vada convinto il Chelsea ad abbassare le pretese per lui. In entrambi i casi proprio Gazidis si inserirebbe nella trattativa in prima persona sia per i buoni legami con l'ex Arsenal come lui, sia per i rapporti solidi che ha con Marina Granovskaia, la numero uno del club di Abramovich.