175
L'allenatore del Milan, Stefano Pioli, parla in conferenza stampa alla vigilia dell'andata dei sedicesimi di Europa League contro la Stella Rossa: "Siamo contenti di tornare a giocare in Europa. La squadra deve avere la stessa voglia di passare il turno come quella vista contro il Rio Ave". 

SUL MORALE: "Dobbiamo guardare avanti come abbiamo sempre fatto. Nello sport non conta quanto hai fatto, ma quello che farai. Vogliamo partire bene anche se sappiamo che è una sfida che dura 180 minuti. Giochiamo contro una squadra che sta dominando il suo campionato". 

SUL PENSARE AL DERBY: "Abbiamo voluto con tutte le forze essere qui a giocarci l'Europa League. Dobbiamo restare umili e grande convinzioni nei nostri mezzi. Pensiamo a domani, poi avremo tempo per preparare al meglio il derby". 

SE AVEVA RAGIONE ROMAGNOLI QUANDO HA DETTO CHE IL MILAN HA SOTTOVALUTATO LO SPEZIA: "Il problema sarebbe stato se avessimo giocato da Milan. Visto che non l’abbiamo fatto, dobbiamo voltare pagina e pensare alla prossima partita”.

SU MANDZUKIC: "Mario è un grandissimo professionista e un grande giocatore. Si è inserito bene. Sta lavorando tanto, perchè deve acquisire ritmo e intensità. Credo sia pronto per giocare anche domani”.

SE IBRAHIMOVIC ANDRA' A BELGRADO: "Ibra sarà convocato. Verrà tutto il Milan a Belgrado'.

SULLE PROSSIME QUATTRO PARTITE: "La più importante delle prossime quattro? Inizia un periodo molto importante. Inizia un periodo decisivo e quindi ogni singola partita va affrontata al massimo, a partire dalla gara di domani”.

SUL VANTAGGIO DI UNA GARA SENZA PUBBLICO: “Siamo dispiaciuti perchè il calcio è fatto di passione. E’ chiaro che il pubblico avrebbe caricato la Stella Rossa, ma anche noi. Mi dispiace che i tifosi non ci saranno domani sera”.