23
Stefano Pioli, allenatore del Milan, parla in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Napoli: "Il numero che ci vedeva più in difficoltà, non erano mancate le occasioni ma la capacità di concretizzarle. Siamo stati più precisi, migliori nelle scelte e con più qualità nelle conclusioni​".

SU BENNACER E KESSIE - "Bennacer e Kessie si trovano bene in queste posizioni, in queste situazioni di gioco e stanno mettendo insieme delle ottime prestazioni". 

SU LEAO - "Il talento è innato. Ma va coltivato e allenato. Sono felice di quello che fa Rafa, sta dando una mano importante alla squadra. La qualità del minutaggio è importante, non il minutaggio in sé: facendo così si toglierà delle soddisfazioni. E presto arriverà il suo momento anche dal primo minuti". 

“Vai su Super6 e gioca gratis, registrarsi e' semplicissimo”​

SULL'INIZIO - "È inutile guardarsi indietro, non abbiamo avuto quella continuità. Ci vuole tempo per costruire qualcosa di importante, dal punto di vista tecnico, tattico e caratteriale. Dobbiamo finire bene il campionato, ci sono ancora tanti punti e tante partite da giocare. Il Napoli è una grande squadra con un grande allenatore che ha vinto la Coppa Italia". 

SUL NAPOLI - "Dobbiamo fare una grande prestazione, ne abbiamo le qualità. Dobbiamo giocare con questa consapevolezza, dobbiamo sfruttare questo momento e dare il massimo". 

SULL'ANNO SCORSO - "Difficile fare paragoni e confronti, Rino aveva cominciato la stagione dall'inizio. Ha fatto un ottimo lavoro come lo sta facendo al Napoli. Ha la capacità di far giocare bene le sue squadre e di dare la giusta mentalità. I conti si fanno alla fine e c'è ancora tanto da fare". 

SU GATTUSO - "Noi abbiamo ripreso bene dopo la pausa, ma abbiamo recuperato solo un punto dal Napoli. Fare raffronti con l'anno scorso non so, sono cambiati i giocatori. Ora dobbiamo affrontare una squadra forte e dobbiamo farlo con convinzione. Nessuno di noi sta pensando al 3 agosto ma solo a dare il massimo fino alla fine".

SULLA ROMA - "Siamo ancora settimi in classifica e non saremmo contenti di finire così. Dobbiamo provare a raggiungere quelle che ci sono davanti. Dobbiamo migliorare la nostra classifica, che non è quella che vogliamo".

SULLA CONFERMA - "​Conteranno solo le valutazioni finale a fine campionato. Io so che abbiamo lavorato tanto, di qualità e che ho un gruppo di giocatori che vuole fare bene. Questo ci deve accompagnare fino alla fine, poi faremo valutazioni concrete su quello che abbiamo fatto".

SUL FUTURO - "​Non so se il club ha già deciso, ma non è una mia preoccupazione. L'unica mia preoccupazione e dei miei giocatori è fare bene. A Milanello stiamo bene e abbiamo lavorato tanto fin da ottobre, non solo durante il lockdown. Poi chi dovrà prendere le decisioni le prenderà. Non c'è bisogno di fare dei patti, siamo professionisti e viviamo di passione per il nostro lavoro. Ognuno di noi ha ambizioni raggiungibili solo lavorando di squadra".

SU SAELEMAEKERS - "​Tutti meritano la conferma, per come stiamo giocando io ho varie possibilità di scelta. Ma sceglierò di partita in partita in base alle mie richieste e alle caratteristiche dei giocatori. L'importante è che i giocatori stiano bene e si facciano trovare pronti".