146
Stefano Pioli, allenatore del Milan, parla in conferenza stampa alla vigilia del match con l'Atletico Madrid, in programma domani sera a San Siro alle 20.45, valevole per la seconda giornata della fase a gironi di Champions League


ESPERIENZA ED ENTUSIASMO - "Stiamo facendo le nostre esperienze. Siamo giovani e questo ci dà tanti vantaggi: dove non possiamo arrivare con l'esperienza ci arriviamo con le idee, l'energia, l'entusiasmo. Come quello che ci daranno i nostri tifosi".

L'ATLETICO - "Non sono d'accordo sul momento no della squadra di Simeone, fino a sabato erano ancora imbattuti e sono ancora nei primi posti della Liga. È una squadra molto forte, ha un allenatore preparato e giocatori di grandissimo livello. Sarà importante, ma non decisiva. Vogliamo togliere lo zero dalla classifica, questo sì".

LA LEZIONE DI ANFIELD - ​"Il livello è molto alto, in queste partite abbiamo visto che i particolari fanno la differenza. Abbiamo preso gol per qualche disattenzione e qualche errore tecnico, dobbiamo giocare a un livello molto alto. Giochiamo con avversari che giocano da anni in Champions, hanno giocato delle finali. Credo che l'esperienza di Liverpool ci possa servire". 
GIROUD - ​"Ai nostri livelli perdere due settimane di preparazione ti fa calare di ritmo e condizione. Il minutaggio di sabato è stato utile a farlo migliorare di condizione e sicuramente crescerà nelle prossime partite".

THEO - ​"Se mi aspetto di più a livello difensivo? Credo che stia crescendo, sabato ha fatto una partita molto attenta ed efficace soprattutto sotto questo punto di vista. E' chiaro che le sue qualità offensive sono note a tutti, sta arrivando ad altissimi livelli".

KJAER, FLORENZI, IBRA - "Per Kjaer e Florenzi saranno importanti gli allenamenti di oggi pomeriggio e domani mattina, vedremo se saranno disponibili. Ibra? Per gli altri diventa più difficile e sarà più probabile dopo la sosta". 

IL FUTURO - ​"Nella mia testa il rapporto che ho creato col club, con i miei giocatori e con l'ambiente Milan non ha una scadenza. Abbiamo le stesse ambizioni, la stessa voglia di ottenere il massimo da ogni partita. Poi pensiamo alla partita di domani".