162
"I giocatori come lui sono la fortuna degli allenatori". Parole al miele quelle che Stefano Pioli ha riservato per Rade Krunic dopo la vittoria sull'Atalanta. Prestazione maiuscola del bosniaco, che dopo un periodo di parziale riposo è tornato nell'ultimo periodo a fare la voce grossa, confermandosi una risorsa in più per il Milan nel rush scudetto. Prezioso da subentrante contro la Fiorentina, solido da titolare a Verona, decisivo ancora da titolare contro la squadra di Gasperini, perché il suo recupero in scivolata dà il la alla travolgente azione di Theo Hernandez per il 2-0. Come dice un vecchio adagio, 'non c'è due senza tre', e allora per Krunic si aprono le porte per la terza partita consecutiva dal 1': è questa la tentazione di Pioli in vista di Reggio Emilia, puntare ancora sul bosniaco per dare fisico e qualità alla trequarti contro il Sassuolo, ricordando che l'ex Empoli aveva saltato l'andata a San Siro vinta dai neroverdi.

IDEA RINNOVO - Pioli non rinuncia a Krunic, il Milan segue i pensieri del proprio allenatore e valuta un futuro a più lungo termine con il bosniaco: secondo quanto appreso da Calciomercato.com, prende corpo l'idea di rinnovo, l'ipotesi è di estendere l'attuale scadenza del contratto (2024) fino al 2026 per premiare la costanza di rendimento del centrocampista dal suo arrivo dall'Empoli. Prima di far entrare nel vivo i discorsi, però, c'è un'altra missione da compiere: testa allo scudetto e al Sassuolo, Krunic si candida per essere protagonista nell'ultimo atto del campionato.