55
Stefano Pioli, allenatore del Milan, prende la parola in conferenza stampa alla viglia della sfida contro l'Udinese prevista per domani alle 12.30 alla Dacia Arena. Ecco tutti i passaggi più importanti.

SULLE PAROLE DI DALOT: "Per me significa molto, è quello che vedo e che mi dicono i giocatori con il loro comportamento. C'è soddisfazione ma sappiamo che c'è ancora molto da fare. Dobbiamo continuare ad essere responsabili e volenterosi. Stiamo vivendo un momento positivo e dobbiamo sfruttare assolutamente questo entusiasmo, mi auguro che arrivi anche ai nostri tifosi. Spero che possano passare con noi qualche ora spensierata. È bello che i giocatori siano disponibili al lavoro e al sacrificio".

SULLA CRESCITA DI BENNACER:  "Deve essere così secondo me, alzare la competitività nella squadra non ti permette di rilassarti. Per noi varrà tanto perché giocheremo molto spesso con questo calendario. Questo ti permette di stare sempre sul pezzo, è importante vedere nei giocatori la volontà di crescere. Bennacer ha avuto tanti vantaggi dal nuovo sistema di gioco, è cresciuto nella continuità delle letture del gioco. È un ragazzo motivato e positivo, spero continui così perché ha ampi margini di miglioramento".

SE E' STUPITO DAL RENDIMENTO DEL MILAN: "No, stupito no perché ho sempre avuto tanta fiducia nei miei giocatori. Speravo in questa crescita e queste prestazioni, poi è chiaro che mi piace essere positivo ma è difficile che qualcuno potesse pensare a questi risultati. Incontreremo difficoltà, domani sarà pieno di insidie contro un avversario tosto come l'Udinese. C'è tanta attenzione per la sfida di domani".

SUL CALENDARIO 'SEMPLICE': "Non ragioniamo così, per noi la partita di domani è la più importante. Le partite non si vincono sulla carta, tutte le partite valgono tre punti. Siamo in testa e anche domani vorremo rimanerci".

SU UNA PARTE DELLA CRITICA ANCORA NON CONVINTA DEL MILAN: "Ognuno ha la sua opinione, a noi interessa dare il massimo partita per partita. Sappiamo che il calcio è un ambiente senza equilibrio ma noi dobbiamo averlo. Stiamo dimostrando consapevolezza nel modo di giocare. Il calcio è bello perché tutti ne possono parlare, è giusto accettare le critiche. Noi dobbiamo dimostrare partita per partita che siamo competitivi".

SUL TIMORE DI UNA FRENATA  "Questa è una mentalità che non ci appartiene. Perché dobbiamo pensare di perdere? Dobbiamo solo pensare a dare il massimo e di poter vincere, pensare di avere le qualità per avere un risultato positivo. Se non dovesse succedere faremo le nostre valutazioni, sapremo affrontarlo".

SULLA CRESCITA DI LEAO: "La cosa che ci interessa di più è di vedere una crescita continua, Rafa sta crescendo. Non si deve accontentare perché può dare di più. Ci sono tante situazioni in cui può fare meglio, ma parliamo di un percorso che è all'inizio. È giusto aspettarsi passi in avanti ma è anche giusto avere pazienza per farlo crescere. Lui si sta sforzando".

SU REBIC:  "Ha fatto bene gli ultimi due allenamenti, è disponibile. Partirà dalla panchina, potrà fare uno spezzone di partita".

SU GABBIA, DUARTE E MUSACCHIO:  "Gabbia non sarà a disposizione domani, mi auguro ci sia con il Lille. Siamo stati molto corti dietro, ho costretto Romagnoli e Kjaer di giocare tanto. È bene avere più giocatori a disposizione. Musacchio sta lavorando, dovremo aspettare fino alla sosta".

SE CREDE ALLO SCUDETTO:  "I miei giocatori sono convinto di essere forti, bene che pensino così. Domani sarà un'altra occasione per dimostrarlo. Le parole vanno bene solo se dimostrate dai fatti. Dobbiamo avere entusiasmo, il nostro obiettivo è vincere e divertirci, di fare un calcio che ci piace. I giocatori devono sempre pensare positivo".

SULLA POSSIBILITA' DEL DOPPIO PLAY : "Ho quattro centrocampisti complementari, non ci sono coppie fisse. È importante saper fare entrambi le fasi, sanno muoversi e sanno leggere gli spazi. Partita e partita schiereremo quelli giusti per la singola gara".

SU CASTILLEJO: "Ha avuto un affaticamento muscolare stamattina, meglio non rischiare visto i tanti impegni che abbiamo".

SULL'IDEA BRAHIM INSIEME A CALHA, REBIC E IBRA:  "E gli altri dove li mettiamo? Ci sono anche Saelemaekers e Castielljo. Sto pensando a tutto. Brahim sta crescendo tanto, ha messo intensità e qualità. Sono soddisfatto del suo momento, degli allenamenti e delle sue partite. Per le posizione dei giocatori dipende da quello che vogliamo sfruttare, scelgo le caratteristiche in base alla partita".

SU SAELEMAKERS:  "Non so se è la sorpresa più bella, in tanti sono cresciuti. Dobbiamo puntare su questa situazione, lavoriamo per migliorare i nostri giovani e tenere alto il livello delle prestazioni. Alexis sta crescendo tanto, deve essere ancora più concreto in determinate zone di campo e deve continuare così, ha tutte le qualità per essere un giocatore molto forte".

MAI DIRE MAI:  "Ho sempre amato Sean Connery. Noi dobbiamo essere una squadra che non si arrende mai, quindi Never say never ci sta".

SUL RECUPERO DI GABBIA: "Sicuramente è molto importante. Matteo si è fatto trovare pronto quando la squadra aveva bisogno, le sue prestazioni sono state di buon livello. Mi auguro che possa ritrovare presto la condizione. Sono soddisfatto anche di Duarte. Ha delle buone qualità che ci saranno utili".


“Novità – Estrazione mensile di un diamante da 10.000€ al più fortunato – Gioca ora”