332
Stefano Pioli non ci sta. Così l'allenatore del Milan a DAZN ha contestato il rigore assegnato alla Fiorentina nel finale, da cui è nato l'1-1 di Pulgar:



"Non ci sono dubbi: il rigore non c’era. Non capisco come si possa non utilizzare la tecnologia qui. L’ho visto io dalla panchina che Romagnoli tocca la palla. Ci può stare che sbagli l’arbitro, non però che non vada a rivederlo. Da qualche partita stanno succedendo episodi un po' strani. Ci sono i nostri errori ma su questo non possiamo fare niente".

IL PAREGGIO FINALE - "Le nostre responsabilità ci sono tutte, eravamo padroni del campo, non dovevamo essere superficiali. La partita non era finita, bisognava continuare a giocare con l'equilibrio e la compattezza, ci sono responsabilità ed è un peccato. La squadra stava bene in campo e meritava di vincere. Il rigore non c'era, Romagnoli ha toccato la palla, non capisco come non si possa utilizzare la tecnologia in una situazione del genere".

11 CONTRO 10 -  "Abbiamo preso contropiedi in superiorità numerica e non si possono prendere. Gli equilibri vanno sempre rispettati, la squadra si è sentita troppo sicura di sé e ha commesso degli errori".

ERRORI - "Abbiamo perso gli equilibri nel momento in cui c'era da far correre la palla, ci sono situazioni che vanno valutate, analizzate e migliorate".

FIRENZE - "Mi ha sempre regalato grandissime emozioni, sia da giocatore che da allenatore, quando arrivo qua sono preparato, abbiamo passato una situazione veramente particolare, sono molto legato a questo ambiente. Mi ha fatto molto piacere ricevere un'accoglienza così calorosa".

FUTURO - "Sono sempre sereno, metto tutta la serietà nel lavoro, io non sto pensando al futuro e anche i giocatori non lo stanno facendo. Non è la mia priorità pensare all'anno prossimo, c'è ancora tanto da fare, dobbiamo subito rifarci in vista della prossima partita".

RABBIA - Queste le parole di Pioli poi in conferenza stampa: “Dopo la partita ero molto arrabbiato con la squadra e con gli episodi, non ho incontrato nessuno. Le responsabilità sono nostre, ma gli episodi ci sono andati contro. Non siamo stati bravi e determinati per tutta la partita, invece abbiamo avuto una reazione poco veemente. Sul gol di Ibra è stato un peccato, aveva le braccia attaccate al corpo. Ormai certe situazioni vengono gestite in maniera molto strana, basta un tocco dubbio e si annulla un gol”.