203
Il fattore tempo è stato determinante nel mercato del Milan. Arrivare al momento giusto sui colpi del futuro e non perdere tempo, così Maldini e Massara hanno bloccato Jens Petter Hauge nel giro di 24 ore appena dopo averlo visto brillare a San Siro in Europa League. Non è servito vedere all'opera Sandro Tonali già affermato come talento del nostro calcio, ma il Milan quando ha fiutato lo stop dell'Inter è entrato in azione chiudendo in un periodo di tempo ristrettissimo. Entrare in scena e arrivare subito al traguardo, così il Milan imposterà altri affari nelle prossime due finestre di mercato.

Ascolta "Milan, pronti altri affari alla Tonali e Hauge: il piano di Maldini e Massara col fattore tempo" su Spreaker.

L'IDEA DI BASE - Naturalmente i calciatori sono seguiti con largo anticipo e nulla è lasciato all'improvvisazione, ma l'idea di base di negoziare solo quando si è convinti di poter chiudere in fretta evita trattative lunghissime ed estenuanti, oltre ad essere apprezzata dai giocatori che sentono la voglia del Milan di accordarsi in tempo rapido. Per Tonali è stato un fattore determinante, dopo aver atteso l'Inter per mesi; Hauge non ci ha pensato due volte nonostante i corteggiatori all'estero non mancassero. Il Milan si ripresenterà con questa idea sul mercato, ha già adocchiato almeno un'operazione da poter fare così. Concorrenza e prezzi permettendo...