132
Junior Messias mania, in casa Milan. L’ex Crotone e Gozzano, protagonista di una favola che ci racconta di credere nei nostri sogni fino alla fine, ha dato speranza al Diavolo in Champions League, segnando al Wanda Metropolitano contro l’Atletico Madrid e tenendo aperta la porta per gli ottavi. E pensare che Maldini lo aveva adocchiato già 5 anni fa…

IL PRIMO PROCURATORE - Marcello Bonetto, primo procuratore del 30 rossonero, racconta a la Gazzetta dello Sport questo retroscena di mercato, con Maldini che, nel 2016, andando a vedere in Serie D una partita del figlio Christian, difensore della Pro Sesto, notò questo numero 7 del Chieri: “Molto forte, sicuramente il più talentuoso in campo, in Serie D è sprecato”. Questo il messaggio di Maldini a Bonetto, che racconta anche la scelta Gozzano in Serie D, quando la Pro Vercelli, in B, non riusciva a tesserarlo per problemi burocratici: “Abbiamo scelto una squadra che avrebbe vinto il campionato in modo che il salto nei professionisti diventasse effettivo”. Quella squadra era il Gozzano, che ebbe la meglio sul Como all’ultima giornata. 

'COME UN FIGLIO' - Anche Giovanni Stroppa, allenatore del Monza, suo ex allenatore al Crotone, racconta le emozioni che gli ha fatto provare questo ragazzo, nato a Ipatinga ma diventato grande in Italia: “È stato come se avesse segnato mio figlio. Ha ragione Pioli: di Junior non abbiamo ancora visto nulla, anche se ha 30 anni”