310
Milan-Roma 3-3

MILAN

Tatarusanu 4,5: errore macroscopico sul gol del primo pareggio di Dzeko quando manca completamente un'uscita comoda. Bene solo su Pellegrini nel primo tempo. Palesa diverse incertezze e non respinge bene la conclusione di Mkhtaryan che porta poi al rigore per le Roma. Esordio da incubo. 

Calabria 6,5: buona l'intesa con Saelemaekers che gli permette di farsi vedere nella metà campo avversaria con continuità. Molto attento anche su Pedro che limita in diverse circostanze. 

Kjaer 7: cerca sempre l'anticipo, sbroglia diverse situazioni intricate. Un autentico muro difensivo. 

Romagnoli 6: sfiora il gol nel finale, ci va vicino anche nella prima frazione con un bel colpo di testa. Non perfetto in occasione del gol di Dzeko quando lascia troppo spazio all'attaccante bosniaco. 

Theo Hernandez 5,5: è molto stanco e si vede, sbaglia diverse scelte di gioco non da lui. 

Kessie 6,5: solita prestazione fatta di grande densità a centrocampo e buona visione di gioco.

Bennacer 6: meno brillante rispetto alle ultime uscite, soffre i movimenti tra le linee di Pellegrini e Pedro che non danno punti di riferimento.

Saelemaekers 6,5: si fa sempre trovare pronto nel momento giusto. Trova il primo centro in campionato con un piatto preciso a spiazzare Mirante su una delizia di Leao. (dal 27' st Krunic 6: entra per fare la 'guerra' nel finale)

Calhanoglu 6: stringe i denti per la squadra e dà comunque un ottimo contributo. Questa sera non gli si poteva chiedere molto di più.

Leao 7,5: devastante quando entra dentro al campo e serve un assist con il contagiri a Ibrahimovic quando erano passati solo due minuti dall'inizio della gara. Si ripete a inizio ripresa: doppio passo e lascia sul posto Karsdorp prima del cioccolatino solo da scartare servito a Saelemakers. Potenziale enorme per l'esterno portoghese.  (dal 27' Castillejo 6: pochi minuti senza infamia ma anche senza lode)

Ibrahimovic 7,5: un'altra doppietta, dopo quella segnata contr l'inter, e una prestazione sontuosa sotto tutti i punti di vista. Piccola macchia quell'intervento discutibile in occasione del calcio d'angolo che ha portato al gol del pari della Roma con Kumbulla.

Pioli 6,5: questa volta la ciambella non gli riesce con il buco. La sua squadra gioca bene anche stasera ma non centra la quinta vittoria consecutiva. 
ROMA
Mirante 7: salva il risultato con una parata straordinaria su Calhanoglu direttamente da calcio d'angolo. Provvidenziale, mette la firma sul punto ottenuto dai suoi.

Ibanez 6: talvolta fin troppo rude, preferisce la sciabola al fioretto. Ma si fa sentire e non crolla di fronte alle offensive dei pericolosi attaccanti avversari.

Mancini 6,5: risponde colpo su colpo contro un fenomeno come Ibrahimovic. Buona partita per il centrale giallorosso. 

Kumbulla 6: errore da matita rossa in occasione della prima marcatura di Ibrahimovic quando sbaglia completamente il tempo dell'intervento. Si riscatta nel finale con la zampata che va il definitivo 3-3.

Karsdorp 5: scelto un po' a sorpresa da Fonseca, trascorre una serata da incubo. Soffre tremendamente le folate di Leao dalla sua parte.(dal 22' st Bruno Peres 5,5: leggermente meglio rispetto al compagno)

Veretout 7: detta i tempi di gioco con lucidità, cercando spesso la verticalizzazione improvvisa. Glaciale nel realizzare il calcio di rigore del momentaneo 2-2.(dal 41' st Villar s.v.

Pellegrini 6,5: propositivo, sempre al centro del gioco. Un paio di illuminazioni per Spinazzola, l'assist per il gol di Dezko a nobilitare un'ottima prestazione. (dal 36' st Cristante s.v.)

Spinazzola 6: spinge tanto, arriva al cross ma non con la stessa qualità vista nelle ultime uscite. 

Pedro 6,5: una spina costante per la difesa del Milan. Centralmente fa fatica perché Kessie gli chiude spesso le linee di passaggio, meglio quando prova partendo dalla fascia.

Mkhitaryan 6: primo tempo un po' abulico, poi sale in cattedra e mette lo zampino in tutte le azioni più pericolose della Roma.

Dzeko 6,5: lotta molto dura con Kjaer, trova il gol di testa e aiuta i compagni.   

Fonseca 6: qualche scelta iniziale non ha convinto del tutto ma trova le giuste correzioni e porta a casa un buon risultato.