260
Disfatta a Genova per il Milan: i rossoneri cadono 1-0 contro il Genoa di Gasperini, che passa al Ferraris nel primo tempo grazie a una punizione di Dzemaili che con una deviazione beffa Diego Lopez. Come a Firenze nella prima giornata di campionato, la reazione del Diavolo è pregiudicata da un'espulsione: al 42' Alessio Romagnoli lascia i compagni in inferiorità numerica, ultimo di una serie di episodi che evidenzia il momento non brillante del difensore arrivato in estate dalla Roma per 25 milioni di euro.

ERRORI DI GIOVENTU' - L'espulsione rimediata oggi da Romagnoli arriva per doppio giallo: il primo per un contrasto aereo scomposto con Pavoletti, da valutare se Tagliavento potesse esimersi; successivamente il numero 13 allarga il braccio verso Diego Capel sulla trequarti, intervento evitabile sapendo di essere già ammonito, e induce l'arbitro a estrarre il secondo giallo e il conseguente rosso. Un eccesso di foga, un errore di gioventù non nuovo a Romagnoli in questo avvio di stagione, ancora una volta pesante per il Milan. Il primo contro la Fiorentina, un movimento difensivo completamente errato che porta Rodrigo Ely, già ammonito, a spendere il rosso per un fallo da ultimo uomo su Kalinic. Ben più grave invece l'ingenuità nel derby: partita complessivamente positiva quella di Romagnoli contro l'Inter, ma sul gol di Guarin arretra troppo e concede l'interno al colombiano invece di accompagnarlo correttamente verso l'esterno. Ingeneroso imputare le tre sconfitte unicamente alle distrazioni del 20enne, ma al Milan il tempo per crescere è poco e il rischio di bruciarsi è alto, a maggior ragione considerando il peso dell'investimento effettuato dai rossoneri.
PRIMA SENZA ALESSIO - Archiviata la debacle del Ferraris, il Milan deve già guardare all'impegno della prossima settimana contro il Napoli, match che per la prima volta vedrà i rossoneri in campo senza Romagnoli: il numero 13 infatti era stato fin qui impiegato da Mihajlovic per tutti i minuti disputati dal Diavolo in campionato. Toccherà dunque a Rodrigo Ely al fianco di Zapata respingere gli assalti di Higuain e compagni, occasione per riscattare appunto l'espulsione rimediata alla prima da titolare contro la Fiorentina.

Federico Albrizio
@Albri_Fede90