Dopo gli anticipi di ieri e le gare del pomeriggio e in attesa del Monday Night tra Lazio e Verona, è continuata questa sera con il posticipo dello Stadio Giuseppe Meazza di Milano la 25esima giornata di Serie A: alle 20.45 si sono affrontate Milan e Sampdoria, in un match dal profumo d'Europa. I rossoneri guidati da Gennaro Gattuso, reduci da nove risultati utili di fila, tra campionato, Coppa Italia ed Europa League, trovano il decimo, vincendo per 1-0 grazie al gol di Bonaventura, dopo l'errore di Rodriguez dal dischetto, per un rigore concesso a causa di un fallo di mano di Murru, e continuano la loro rincorsa, raggiungendo la sesta posizione, occupata proprio dai genovesi, tornando a credere nella rimonta Champions e nel quarto posto, occupato dall'Inter e distante 7 punti (nelle prossime sfide affronterà proprio i nerazzurri e la Roma). Per la squadra di Gattuso prestazione importante, con un dominio territoriale che avrebbe meritato un punteggio più alto (anche una traversa di Calhanoglu, il migliore in campo). Dal canto suo la squadra di Marco Giampaolo, una delle sorprese più liete del nostro campionato sino ad ora, si ferma dopo una prestazione opaca e non riesce a sconfiggere il Milan anche al ritorno, dopo la bella vittoria dell'andata. I doriani non perdevano da cinque giornate (tre vittorie e due pareggi). Dopo essere rimasto imbattuto in otto sfide di Serie A contro la Sampdoria (5V, 3N), il Milan aveva perso le ultime due gare contro i blucerchiati, senza riuscire a segnare. Nelle ultime sei sfide tra queste due squadre in casa del Milan in Serie A, non si è mai ripetuto lo stesso risultato per due gare di fila. Il Milan è imbattuto da sette incontri in campionato (5V, 2N), i rossoneri non arrivavano ad almeno sette gare di fila senza sconfitte in A da febbraio 2016. I rossoneri inoltre non inanellavano due match consecutivi senza subire gol in A da gennaio 2017. La Sampdoria andava a segno da otto partite di campionato di fila.