Se solamente quella trattativa di due estati fa fosse andata a buon fine, Andrea Belotti oggi sarebbe potuto essere il numero 9 del Milan. Quella maglia, invece, è ora indossata da Gonzalo Higuain che, dopo aver scontato il doppio turno di squalifica dopo il rosso ricevuto contro la Juventus, domenica sera tornerà a disposizione di Rino Gattuso. E il Pipita rossonero se la dovrà vedere proprio contro il Gallo granata, in un Milan-Torino da alta classifica (la quarta contro la sesta), come mai lo era stato negli ultimi anni.

ATTACCANTI IN CERCA DI RISCATTO - Belotti e Higuain sono due attaccanti in cerca di riscatto: il primo arriva da una stagione deludente, segnata da due infortuni e da pochi lampi, il secondo invece è alla ricerca di rivincite personali, dopo essere stato ceduto dalla Juventus in seguito all’arrivo di Cristiano Ronaldo. Il cammino dei due attaccanti, in termini realizzativi, è stato finora pressoché identico: cinque gol segnati da entrambi in campionato, due in coppa (Coppa Italia per il centravanti del Torino, Europa League per quello del Milan).
BELOTTI QUASI SEMPRE IN GOL A SAN SIRO - La gara di domenica a San Siro sarà anche la loro sfida nella sfida: l’ex “Mister 90 milioni” (questa la cifra spesa dalla Juventus per acquistare la punta argentina dal Napoli) contro “Mister clausola da 100 milioni”. Può essere riassunto il duello tra Higuain e Belotti. I due si sono già trovati di fronte altre volte negli ultimi anni e a risultare vincitore, finora, è sempre stato l’argentino: chissà se ora, in un palcoscenico diverso, le cose cambieranno. A San Siro negli ultimi anni, sia contro il Milan che contro l’Inter, Belotti ha spesso trovato il gol: già cinque quelli messi a segno con la maglia granata nello stadio milanese.