Commenta per primo


Vincere finalmente la Champions League e tornare in Nazionale. Non nasconde i suoi obiettivi il milanista Gianluca Zambrotta, che è a quota 98 presenze in maglia azzurra e spera «un giorno di arrivare a 100: sarebbe un traguardo importante. Dal canto mio cerco di fare sempre il meglio quando Allegri mi mette in campo, poi speriamo». Una soddisfazione sarebbe anche conquistare la Champions.

«Mi manca, perchè è il trofeo più importante a livello di club e sono solo andato vicino a vincerla nel 2003 con la Juventus (in finale contro il Milan, ndr) - ha spiegato il terzino a Sportmediaset -. Spero di vincerla prima della fine della mia carriera. Quest'anno sarebbe bello. Poi si vedrà cosa farò, se mi rinnoveranno il contratto in scadenza a giugno...».

In genere l'ad rossonero Adriano Galliani i rinnovi a fine stagione, intanto Zambrotta nell'ultimo turno di campionato è riuscito a segnare tre anni dopo l'ultima volta. «Sono contento, anche per il momento in generale del Milan», ha continuato Zambrotta spendendo complimenti per Zlatan Ibrahimovic. «È cresciuto tanto a livello tecnico e di personalità - ha notato -. È migliorato tanto in fase realizzativa e in spogliatoio è più leader che in passato». Con lo svedese Zambrotta ha vinto due campionati prima che esplodesse Calciopoli. «Quei due scudetti - ha chiarito - li sento miei e cuciti sul petto. Non serve aggiungere altro».