356
I tre prestiti della stagione scorsa potrebbero giocare nel Milan 2021-2022. Non solo dunque Tomori, che per questioni di opportunità verrà annunciato nei prossimi giorni, anche se sembrava già possibile nei primi di questa settimana. Comunque nessun problema. Fikayo Tomori indosserà la maglia rossonera. Senza dubbi e senza sorprese.

Il Milan sta lavorando ora sulla possibilità di chiudere la trattativa anche con Il Real Madrid per Brahim Diaz, splendido protagonista nell’ultimo Campionato Europeo Under 21. La partita contro la Croazia è stato uno spettacolo per gli occhi. Poi il Folletto Andaluso ha realizzato un gol anche contro la Lituania, nella Nazionale maggiore. La formula dell’eventuale accordo con il Real Madrid dovrebbe però cambiare. Non più prestito secco, ma verrà inserito anche il diritto di riscatto.

La vera novità riguarda Diogo Dalot, che sembrava ormai perso anche per le richieste intorno ai 20 /25 milioni da parte del Manchester United. Ora i dirigenti rossoneri sembrano meno pessimisti, anche se la trattativa non è considerata prioritaria. Il portoghese ha disputato uno splendido europeo. Si è ben inserito nel Milan, sempre molto apprezzato, nell’ambiente, per il suo comportamento da professionista serio. Quel che più conta, poi è la sua crescita, partita dopo partita. I plenipotenziari del mercato milanista puntano ancora su di lui.
Intanto nessuna notizia sul futuro di Hakan Calhanoglu. Il Milan è ben fermo alla offerta di 4 milioni di euro, che il numero 10 rossonero ha sempre considerato insufficiente. I dirigenti di “Casa Milan” si stanno comunque tutelando lavorando ad altri profili, ma forse preferirebbero investire denaro fresco per potenziare altri reparti. Uno su tutti quello della fascia destra, alla ricerca di un giocatore che sappia conciliare le richieste tattiche di Stefano Pioli, ma bravo anche nei sedici metri. In discesa invece la trattativa che ha come protagonista Sandro Tonali. Con la speranza che il centrocampista possa tornare a stupire per personalità, intraprendenza e classe, dopo un anno di studio sui campi di Milanello.

In generale, le mosse dei plenipotenziari del mercato paiono improntate a grande saggezza, unendo dinamiche tecniche a esigenze di bilancio. Sono sempre fiducioso però che, prima della fine di mercato, le chiare strategie, le forti ambizioni e il sempre alto blasone del Club portino qualche Campione a sposare questo progetto preciso e ambizioso. Personalmente il mio sogno che spero diventi una possibile realtà è uno solo. Si chiama Rodrigo De Paul. Difficile ma non impossibile.

Gigio Donnarumma. Bollettino dell’11 giugno. Molti ben informati erano sicuri che avesse lasciato il Milan, perché forte di un accordo con un altro Club, anzi addirittura avesse già firmato. Forse il Barcellona, ma non lo ha ancora acquistato. Forse la Juventus, ma non lo ha ancora acquistato. Forse il PSG, ma non l’ha ancora acquistato. Nonostante voci forti abbiano annunciato la firma con la società parigina per l’8 giugno non è accaduto nulla. A quando il nome della sua nuova squadra? Mi limito intanto alla cronaca. Sono passate tre settimane dalla fine del campionato, eppure non si hanno notizie di firme. Oggi inizia l’Europeo. Donnarumma non ha ancora un Club . Aggiornamenti al prossimo bollettino del 18 giugno.