10
"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia"" .

Pensavamo di averle viste davvero tutti in sette anni di "Momenti Di Gioia", ma il mondo del calcio non finisce mai di stupirci. La storia della settimana e forse del mese arriva dalla Spagna, raccontata direttamente da El Pais, e riguarda un club storico come il Deportivo La Coruna, che i tifosi del Milan ricorderanno con inquietudine vista l'incredibile rimonta del Riazor nei quarti di Champions League durante la stagione 2003/2004.

IL DEPOR IN CORSA PER LA PROMOZIONE DOPO L'OBLIO - Il club galiziano, dopo aver fatto la storia negli anni '90 con la vittoria di un titolo leggendario, nell'ultimo periodo è caduto in malora in seguito a una clamorosa retrocessione in terza divisione. A cinque giornate dalla fine del campionato il Depor è secondo alle spalle del Racing Santander e sogna il ritorno in Segunda Division, ma non tutti i calciatori sembrano remare dalla stessa parte. 
FINGE DI AVERE IL COVID PER TIFARE BETIS - Notizia di oggi è infatti il licenziamento del numero 10 della squadra allenata da Borja Jimenez, il classe 1990 Juan Carlos Menudo Domínguez: il 32enne ha portato la società galiziana a prendere questa decisione esemplare, dato che ha saltato la trasferta sul campo del Talavera per assistere alla finale di Coppa del Re giocata la scorsa settimana tra Betis e Valencia. Menudo, nato a Siviglia e tifoso della formazione andalusa, ha finto di aver contratto il coronavirus per saltare gli ultimi allenamenti ed evitare la convocazione. No, non le avevamo viste tutte...

@AleDigio89