"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia"".

Dalla Pampa alla doppietta al Camp Nou, passando per il Granillo di Reggio Calabria: è questo l'incredibile excursus di Cristhian Ricardi Stuani Curbelo, attaccante uruguaiano con passaporto italiano e un passato nemmeno troppo lontano nella Reggina.

L'EROE DEL DERBY DI CATALOGNA - E' stato lui l'eroe del derby di Catalogna tra Barcellona e Girona, andato in scena al Camp Nou nella serata di ieri: i blaugrana vanno subito avanti con Leo Messi, prima dell'espulsione di Lenglet per una gomitata, ma vengono ripresi proprio dal classe '86 pupillo di Eusebio Sacristan, che non pago porta il Girona in vantaggio, prima del pareggio finale del catalano Pique. Un Girona che ha sfiorato l'impresa e che è partito alla grande anche in questa stagione, dopo l'ottima annata vissuta l'anno scorso: due vittorie, due pareggi e una sola sconfitta contro il Real, quinto posto provvisorio al pari dell'Atletico a meno cinque dalle squadre di Valverde e Lopetegui.

CAPOCANNONIERE DELLA LIGA, UNICO A SEGNARE DUE DOPPIETTE A REAL E BARCA IN UN ANNO - Il merito è soprattutto di Stuani, capocannoniere del torneo assieme a Messi, con ben cinque reti segnate sulle sette totali del Girona, ma senza rigori: l'uruguaiano è il primo calciatore a realizzare due doppiette contro Barcellona e Real in meno di un anno solare, 365 giorni. Tanta roba, per un attaccante che a 32 anni ha raggiunto la piena maturità, dopo essere partito dal Danubio ed aver girovagato tra Reggina, non riuscendo a imporsi nella nostra Serie A, Spagna con Alabacete, Levante e Racing Santander. Poi l'approdo a Barcellona, nell'Espanyol però, dove Stuani diventa un beniamino del pubblico, prima della chiamata dagli inglesi del Middlesbrough e il ritorno in Catalogna, a Girona.

MEDIA GOL DA RECORD, MA CAVANI E SUAREZ... - Proprio a Girona Stuani è esploso: 25 reti in 38 partite finora, una media mai toccata dal classe '86 in precedenza. Nel frattempo anche tante convocazioni con la nazionale di Tabarez, dove purtroppo per lui è chiuso però da due mostri sacri come Cavani e Suarez. Ma la "garra charrua", citata anche a sproposito negli ultimi giorni, è caratteristica tipica dei calciatori come Stuani: lui sì abituato a dire sempre l'ultima parola...

@AleDigio89