Calciomercato.com

Mondiali: Blatter torna a parlare dell'assegnazione al Qatar

Mondiali: Blatter torna a parlare dell'assegnazione al Qatar

Sepp Blatter, ex presidente della FIFA, torna a parlare dell’assegnazione della Coppa del Mondo 2022 al Qatar. Nella sua prima intervista, rilasciata al quotidiano svizzero Tages-Anzeiger, dopo l’assoluzione dall’accusa di frode, Blatter si è aperto sulle posizioni occupate da Michel Platini, ex presidente UEFA, e dall’allora presidente francese Nicholas Sarkozy.

"Una settimana prima del Congresso FIFA 2010, Michel Platini mi ha chiamato per dirmi che il nostro piano non avrebbe funzionato. È stato invitato al palazzo del presidente Sarkozy che aveva appena pranzato con il principe ereditario del Qatar”.

Sarkozy ha detto a Platini: “Guarda cosa tu e i tuoi colleghi UEFA potete fare per il Qatar quando verrà assegnata la Coppa del Mondo”.

“Sepp, cosa faresti se il tuo presidente ti chiedesse qualcosa?' Poi gli ho detto che la domanda non mi era venuta in mente perché non abbiamo un presidente in Svizzera. È andata esattamente così: grazie ai quattro voti di Platini, la Coppa del Mondo è andata al Qatar piuttosto che agli Stati Uniti. Questa è la verità. Naturalmente era anche una questione di soldi. Sei mesi dopo, il Qatar ha acquistato aerei da combattimento dai francesi per 14,6 miliardi di dollari”.

"La scelta del Qatar è stata un errore", ha aggiunto Blatter. "All'epoca, abbiamo effettivamente concordato nel comitato esecutivo che la Russia avrebbe dovuto ottenere la Coppa del Mondo 2018 e gli Stati Uniti quella del 2022. Sarebbe stato un gesto di pace se i due avversari politici di lunga data avessero ospitato la Coppa del Mondo uno dopo l'altro. Il Qatar è un paese troppo piccolo. Il calcio e la Coppa del Mondo sono troppo grandi per questo".

Altre notizie