59
Stefano Pioli si è dimesso e Vincenzo Montella corre velocemente verso il ritorno sulla panchina della Fiorentina in una giornata che l'ambiente fiorentino ricorderà per anni. Tutto in poche ore, un capovolgimento di fronte non troppo inaspettato, ma quantomeno inatteso nelle tempistiche. L'Aeroplanino ha fatto sognare la piazza viola dal 2012 al 2015 e, dopo aver ricucito il rapporto con la famiglia Della Valle nelle scorse settimane, ha sbaragliato la concorrenza di un possibile traghettatore fino al termine della stagione, soluzione che avrebbe aperto la strada all'arrivo di Eusebio Di Francesco in estate. Montella firmerà un contratto fino al 2020 e dirigerà già domani il primo allenamento.

LITIGI - Dopo la partita contro il Frosinone, vinta dai laziali per 0-1 grazie alla rete di Ciofani, la società aveva emesso un comunicato nel quale si prendeva 48 ore di tempo per decidere il futuro. L'indomani mattina, a Milano, il dg Pantaleo Corvino incontrava Andrea Della Valle insieme al presidente Mario Cognigni, mentre in collegamento c'erano Giancarlo Antognoni da Firenze e Diego Della Valle da Hong Kong: un meeting nel quale è stato partorito un ulteriore comunicato, all'interno del quale si chiedevano orgoglio alla squadra e serietà e competenza a Pioli. Troppo per il tecnico, già da un mese in rotta con la società. Così, dopo un confronto avvenuto stamani al centro sportivo, la decisione di mollare e dimettersi.

HA SCELTO DIEGO - Nelle ore immediatamente successive alla vicenda, il tecnico della Primavera Emiliano Bigica risultava essere il maggior indiziato a rivestire il ruolo di allenatore della Prima Squadra. Il suo vice sarebbe stato Francesco Baiano. Tutto ciò in funzione dell'arrivo, in estate, di un allenatore più esperto e preparato. Nel frattempo, però, la proprietà aveva ricucito il rapporto con Montella e in pochi minuti, la suggestione è stata trasformata in realtà per volontà proprio di Diego Della Valle.

CORVINO SPIAZZATO - La scelta del patron viola, secondo quanto appreso da Calciomercato.com ha lasciato spiazzato Pantaleo Corvino, che spingeva per un traghettatore e, soprattutto, per portare Eusebio Di Francesco a Firenze a fine anno. I contatti con le parti c'erano già stati e l'allenatore pescarese aveva già dato il suo sì al progetto che, ora, non avrà più speranza di vedere la luce con buona pace sua e di Corvino. In casa Fiorentina sarà di nuovo Vincenzo Montella a sedersi in panchina, siamo ai dettagli.