Calciomercato.com

Monza, le pagelle di CM: Andrea Carboni invalicabile, Mota discontinuo

Monza, le pagelle di CM: Andrea Carboni invalicabile, Mota discontinuo

  • Stefano Peduzzi
Monza – Hellas Verona: 0-0

Di Gregorio 6: tempestivo e attento in occasione di un paio di uscite, di fatto non sporca i guantoni.

Izzo 6: promosso titolare, resta in campo per tutti i 90’ dimostrando di essersi lasciato alle spalle i tanti problemi fisici dell’annata. In campo presidia senza affanno la sua zona.

Pablo Marì 6: disinnesca Swiderski senza difficoltà; qualche sbavatura in più nelle occasioni in cui gli ospiti attaccano con più uomini costringendolo a lasciare la posizione.

A. Carboni 7: sicuro e concentrato, il migliore dei suoi nel pacchetto arretrato. Decisivo nel primo tempo con due interventi in anticipo su Folorunsho e Swiderski, si conferma elemento affidabile e di prospettiva.

Birindelli 6,5: riportato sulla destra dopo lo spezzone di Udine, si dimostra maggiormente a suo agio su questo binario. Alla consueta generosità affianca anche un pregevole colpo di testa sventato da Montipò e almeno due assist interessanti. Peccato solo per qualche imperfezione tecnica.

(29’ st Pedro Pereira: s.v.)

Pessina 6: presenza numero 24 in altrettante partite di serie A. Palladino chiede ancora gli straordinari al suo capitano, che disputa la consueta prestazione di sostanza e lavoro oscuro. Difficile però che possa dare anche brillantezza alla manovra dei suoi.

Bondo 6,5: schierato ancora una volta dal 1’, firma una prova positiva. Non si sottrae ai duelli fisici e firma un paio di strappi interessanti in verticale, soprattutto nel primo tempo. Cala alla distanza e – ammonito – viene sostituito.

(25’ st Gagliardini 6: entra e contribuisce alla gestione del finale di match)

Zerbin 6: impiegato come esterno a tutta fascia in questa prima da titolare in biancorosso. Prova qualche affondo sulla sua corsia ma non riesce a trasformare una buona palla gol: nel complesso una prova sufficiente ma l’impressione è che possa essere ben più incisivo.  

(25’ st Kyriakopoulos 6: rileva Zerbin spezzando una serie di due gare in panchina)

Colpani 6: il voto riflette una media tra la mancanza di incisività di tante giocate – ed un’occasione sciupata – e la considerazione che comunque tutte le iniziative più pericolose del Monza passano dai suoi piedi.

Mota 5: l’avvio è promettente, ma anche illusorio. Nonostante una certa libertà non riesce mai ad essere decisivo negli ultimi 16 metri, sbagliando spesso la scelta della giocata. Un passo indietro rispetto alle ultime prove.

(18’ st V. Carboni 6: si segnala più per un prezioso recupero in fase difensiva che per il contributo in fase offensiva)

Colombo 6: torna titolare dopo due turni trascorsi in panchina. Ha una gran voglia di mettersi in mostra: mette a referto una rete annullata per offside e un paio di buone sponde per i compagni, ma con il trascorrere dei minuti “esce” dal match fino alla sostituzione.

(18’ st Djuric 6: entra per sfruttare la sua fisicità, ma i suoi compagni non riescono mai a servirlo con adeguati cross).

All. Palladino 6: ad un primo tempo abbastanza positivo segue una ripresa davvero anonima, con nessun tiro in porta da parte dei suoi. Schiera tutte le risorse offensive disponibili o quasi, ma al di là degli interpreti la sua squadra è sembrata “accontentarsi” del pareggio da un certo momento del match.
 

Altre notizie