530
La Roma europea è abituata a batoste che un tempo erano storiche (il celeberrimo 7-1 dal Manchester United con Spalletti) ma poi lo sono diventate sempre di meno, perché se il tracollo si trasforma in un’abitudine non c’è più niente di epocale. Così la squadra giallorossa è passata attraverso un altro 7-1 dal Bayern Monaco, ma in casa, e un 6-2 nella scorsa stagione, sempre contro i Red Devils. E’ stato il punto più basso della gestione Fonseca, una semifinale di Europa League che ha cancellato le pochissime speranze dell'allenatore di restare al suo posto. 

Questo 6-1, però, va oltre ogni immaginazione, perché un conto è farsi travolgere da squadre che hanno in bacheca Champions e trionfi di ogni tipo, un altro essere umiliati dal Bodo-Glimt. Ma c’è un aspetto perfino più triste di questo nella cupa notte norvegese della Roma, e cioè la prontezza con cui Mourinho ha scaricato le colpe sui calciatori, umiliandoli e salvando se stesso: “Ora nessuno mi chiederà più perché giocano sempre gli stessi”. In realtà molti di coloro i quali sono scesi in campo a Bodo, nella scorsa stagione erano titolari. E il motivo è evidente: un anno fa la squadra era decisamente peggiore di questa, tanto che per rafforzarla sono stati investiti 90 milioni di euro (in più è tornato a disposizione Zaniolo, e non è poco). Altro particolare non irrilevante: quando sono entrati Cristante, Shomurodov e Mkhitaryan si era sul 2-1; quando sono stati inseriti anche Abraham e Pellegrini sul 3-1. Di reti ne sono arrivate altre tre: Mourinho non c’entra nulla? 
Com’è possibile che con tutti quei rinforzi, e con un allenatore che costa 7 milioni netti a stagione (e dunque dovrà pur rappresentare un valore aggiunto), la Roma perda 6-1 dal Bodo-Glimt? Mourinho, anziché scaricare le colpe sulla scarsa qualità di una parte dei suoi calciatori, dovrebbe vergognarsi di quanto ha combinato la sua squadra. Anche la Roma di Fonseca ha preso 6 gol, ma almeno l’avversario era il Manchester United. E Friedkin non aveva speso un centinaio di milioni tra nuovi calciatori e nuovo allenatore. 

@steagresti