25
Udinese-Inter da anni è una partita che si porta con sé numerose indiscrezioni legate al calciomercato. Giocatori ambiti, ipotesi di scambi, operazioni intavolate e rapporti ottimi che, almeno sulla carta, agevolerebbero questi intrecci di mercato. Anche in questa sessione invernale di calciomercato, e in vista della prossima estiva, Inter e Udinese hanno più volte discusso di tanti giocatori, ma ancora una volta la sessione giusta per un affare fra questi due club sembra sempre la prossima. 
 
 


DOPO HANDANOVIC IL NULLA - Rapporti ottimi e tanti intrecci, ma analizzando le ultime operazioni completate fra i due club, risale al lontano 2012 l'ultimo "affare" portato a termine. Era l'anno in cui l'attuale capitano dell'Inter Samir Handanovic lasciò l'Udinese in un'operazione che comprendeva il cartellino di Davide Faraoni (oggi al Verona dopo un lungo girovagare). Da allora soltanto il prestito di Assane Gnoukouri (a cui venne riscontrato un problema cardiaco appena arrivato a Udine) e l'arrivo a Milano di Felipe (che però si era svincolato entro fine gennaio). In mezzo tante trattative mai andate a buon fine come accaduto anche nel corso delle ultime due sessioni di calciomercato.
DE PAUL, MUSSO - I nomi sono in realtà noti da tempo perché l'Inter ha messo nel mirino gli argentini dell'Udinese Rodrigo De Paul e Juan Musso già da due stagioni. Le richieste della proprietà friulana non hanno però mai consentito ai dirigenti nerazzurri di presentare una proposta soddisfacente e anche oggi in cui l'Inter sta attraversando una difficilissima situazione societaria il doppio colpo appare rimandato a giugno se non del tutto da escludere.

PINAMONETI - 
Rimane aperto il canale legato al futuro di Andrea Pinamonti, dato che l'Udinese sta lasciando partire Kevin Lasagna ed è alla ricerca di un sostituto. Che sia l'attaccante di Cles la chiave per sbloccare un canale rimasto intoppato dopo l'affare Handanovic? Difficile. Oggi per l'Inter Pinamonti è ancora un elemento considerato utile per Conte data la difficoltà nel trovare sul mercato un sostituto. E De Paul e Musso vedranno il nerazzurro, ancora una volta, soltanto da avversari.