Commenta per primo

'Il club non ha bisogno di vendere'-'De Laurentiis fa bene a tenerselo stretto':  queste sono le dichiarazioni, la prima del responsabile della comunicazione del Napoli, Nicola Lombardo, la seconda dell'ad della Juventus  Beppe Marotta,  riportate dall'edizione odierna del Corriere dello Sport e riferite alla vicenda Cavani. Marotta, con la correttezza che contraddistingue un grande dirigente sportivo, pur avendo in cantiere qualche proposta da fare alla società partenopea nel caso, alquanto improbabile, che lo scenario dovesse cambiare, è una delle poche persone che gravitano nel Mondo del pallone, ad usare tanto raziocinio nell'esprimere un'opinione che ricalca la verità dei fatti.

INDECENTE SINONIMO DI INCEDIBILITA'- E' inutile rimarcare che la proposta indecente, riferita alla cessione del Matador, ha il significato di incedibilità. Aurelio De Laurentiis, ha pianificato un progetto, fino ad ora vincente, e non ha intenzione di vendere i gioielli coltivati con l'oculata programmazione e la determinazione a conservare nello scacchiere del Napoli le migliori pedine. Solo quando la società assurgerà ad altissimi livelli, con una precisa e validissima struttura dell'organico, i dirigenti azzurri potranno privarsi di qualche campione per poi sostituirli con altri di pari livello da inserire in una rosa collaudata e vincente.

OFFERTA DELLA JUVENTUS-  'Se arrivasse una proposta da 20 milioni più Matri e Giovinco, firmerei subito': parole di Bruno Giordano riportate dal Corriere dello Sport. Legittima opinione dell'ex attaccante del Napoli, ma è  una offerta, mai ufficializzata dal club di Corso Galileo Ferraris, che non ha assolutamente il significato di indecente dato dal Patron del Napoli. Fermo restando che De Laurentiis poco gradisce le contropartite tecniche, Sebastian Giovinco è un ottimo calciatore che deve ancora dimostrare di poter offrire un grande contributo in squadre ambiziose con progetti miranti a raggiungere i vertici del calcio nazionale ed europeo. La formica atomica, nella squadra di Antonio Conte, avrà tutte le chance per poter dimostrare l'avvenuta e completa maturazione. Alessandro Matri, pur disputando un'ottima stagione in maglia bianconera, dovrà dimostrare con continuità tutto il suo indiscusso valore. E i 20 milioni di euro? Con le valutazioni attuali è una cifra con cui si  potrebbe acquistare un ottimo calciatore ma non un campione assoluto e non bastano, nemmeno, ad assicurarsi un giocatore giovane e prospettico.

CREDIBILITA' NEL PROGETTO NAPOLI- Vi è un altro aspetto molto importante da valutare:  i gioielli di casa Napoli sono stati blindati con il loro pieno assenso. La convinzione di fare parte di un progetto importante e vincente è stata la motivazione dei calciatori che hanno deciso di stazionare all'ombra del Vesuvio per molto tempo. Gli aumenti periodici dell'ingaggio, la possibilità di avere il 50% degli introiti pubblicitari legati alla propria immagine e i vari bonus fanno in modo che i tenori partenopei non avranno da recriminare verso la società per mancate gratificazioni a livello economico.

IL NAPOLI NON E' UNA PROVINCIALE- Il club partenopeo ha, ampiamente, dimostrato di  avere una programmazione diversa dalle squadre provinciali che, giustamente, prediligono costruire campioni per venderli al momento opportuno ed avere, in tal modo,  un sano bilancio societario che permette ai club di far parte del massimo campionato italiano anche ad alti livelli. Il Napoli non vende ma acquista e di proposte veramente indecenti,  a cui non si può rinunciare,  non si sono ancora viste. I rumors di mercato che riferivano dell'ipotetica proposta dei dirigenti juventini hanno, forse scambiato ironicamente il significato del termine riferito da De Laurentiis, restituendo il giusto valore alla parola in questione.