3
La mancata qualificazione alla prossima Champions League cambia inevitabilmente tutte le strategie di mercato del Napoli. Potrebbe essere fatto qualche sacrificio - come la cessione di almeno uno tra Koulibaly e Fabián Ruiz - e non sono previsti acquisti importanti. Però l'ossatura importante questa squadra ce l'ha. Spalletti lo sa bene per questo ha scelto di sposare la causa partenopea. Il reparto più incerto di tutti è quello che ha dato forse troppa abbondanza nelle ultime tre stagioni. Si tratta del pacchetto portieri che ha visto la presenza dall'estate 2018 di Meret e Ospina con il primo che è arrivato per diventare l'estremo difensore del futuro azzurro, ma è stato poi superato dal colombiano nelle gerarchie con il passare del tempo.

TUTTO SU MERET - Ora è tempo di fare delle scelte e pare il Napoli le abbia già fatte. Meret vuole delle garanzie, ha bisogno di sentirsi protagonista assoluto nel progetto. Cosa che accadrà dall'anno prossimo, sempre ai piedi del Vesuvio. Il Napoli, infatti, affiderà a Meret il ruolo di portiere titolare. Spalletti crede in lui, la società vuole puntare totalmente sull'ex Udinese e Spal.
OSPINA - Per Ospina adesso è prevista una nuova strada. Il Napoli è pronto alla cessione del colombiano per permettergli di diventare protagonista in un'altra piazza. Nonostante il contratto in scadenza tra un anno, De Laurentiis non lo lascerà andar via a zero. C'è bisogno di un'offerta, non troppo importante - considerando che tra due mesi compirà 33 anni - però l'obiettivo è incassare almeno 5 milioni di euro. L'Atalanta segue Ospina da un po' di tempo dato che Gasperini non si fida totalmente di Gollini. La destinazione bergamasca potrebbe essere gradita dal "Patron" (chiamato così dai compagni) che giocherebbe così di nuovo la Champions League.

I SOSTITUTI - Con l'eventuale partenza di Ospina il Napoli dovrebbe andare a completare il reparto. In previsione ci sono ben due slot da occupare perché anche Contini sembra destinato alla cessione, per lui in prestito. Il suo procuratore ha ribadito più volte che l'intenzione è quella di giocare, cosa mai accaduta in maglia azzurra durante la stagione da poco conclusa. Per il ruolo di terzo portiere bisogna trovare un profilo di esperienza ed affidabilità come lo fu Karnezis o un giovane pronto come lo è stato proprio Contini. Ma, come detto, va individuato anche un vice Meret per sostituire Ospina. Il principale indiziato è Sepe, con il Parma retrocesso in Serie B e Buffon che è tornato con i ducali. Di un ritorno si tratterebbe anche per Sepe, cresciuto nel settore giovanile del Napoli e tornerebbe utile anche nel regolamento delle liste. Altri due nomi in lizza sono quelli di Sirigu e Mirante, entrambi portieri di sicura affidabilità pronti a diventare vice Meret.