206
Un giovedì per impostare tutto il lavoro e riprendere confidenza con le strutture della Continassa. Poi però si bada al sodo. E in questa fase, badare al sodo, significa parlare di mercato. Il secondo giorno a Torino di Max Allegri ha avuto in programma infatti un vertice con Pavel Nedved e Federico Cherubini proprio ribadire le linee guida e le strategie della campagna di calciomercato pronta a entrare nel vivo, proprio nel giorno in cui Fabio Paratici salutava definitivamente il mondo Juve. Contatti quotidiani fin da quando è decollata la trattativa per il ritorno di Allegri, decisioni chiave già prese, dal rinnovo di Giorgio Chiellini alla volontà di spalancare le porte d'uscita a Cristiano Ronaldo in attesa che Jorge Mendes sappia risolvere la questione (Psg e United le piste calde), arrivando all'intreccio Donnarumma-Szczesny. Delicata la fase del mercato in uscita. E idee chiare per quel che riguarda gli obiettivi da raggiungere.
LE RICHIESTE DI MAX – In attacco si ripartirà da Paulo Dybala e Alvaro Morata. E servirà un'altra punta, un centravanti, capace di integrarsi al meglio con tutti gli attaccanti bianconeri. Guadagna posizioni nelle preferenze Dusan Vlahovic, ma la Fiorentina non ha intenzione di venderlo. Sempre calda la pista che conduce a Mauro Icardi. Mentre la conferma di Ronald Koeman avvicina al Barcellona l'olandese Memphis Depay, anche se la Juve proverà a inserirsi fino all'ultimo. Poi il centrocampo, anche se la vera impresa sarà sbloccare le uscite: l'idea Pjanic-bis è concreta e permetterebbe di sistemare la regia con un'opzione sicura e low cost (se il Barça conferma l'idea del prestito), in questo reparto Allegri vuole il grande colpo, vale a dire Paul Pogba o un giocatore di primo piano con quelle caratteristiche. A parte il discorso Locatelli, aspettando che il Sassuolo abbassi le pretese. E in difesa servirà un erede di Merih Demiral per completare il reparto oltre a un terzino sinistro: particolarmente gradito ad Allegri è Nikola Milenkovic, ma la concorrenza è alta così come il prezzo imposto dalla Fiorentina.