Commenta per primo

 

"Non smetto a fine stagione". Alessandro Nesta e il Milan, un amore che prosegue. Oltre giugno 2011. Il difensore rossonero, ai microfoni di Milan Channel, rivela sul suo futuro: "Sono stato interpretato male l'altra volta - sottolinea - non ho detto che volevo smettere a fine stagione. Mi hanno chiesto a che punto della carriera fossi ed ho risposto che ho 35 anni e sono quasi alla fine, ma non proprio alla fine. Io spero di poter giocare ancora, anche se forse non potrò fare tutte le partite come quest'anno; anzi, quest'anno sono molto soddisfatto perchè ho giocato molto, però forse non riesco a giocare ogni 3 giorni. Vedremo cosa succederà, io sono sempre a disposizione e ce la metterò sempre tutta finche poi un giorno, come tutti, smetterò. Ma non a fine stagione. Ho anche la fortuna di avere un allenatore che mi lascia gestire abbastanza. Dopo le partite ho un po' di dolori che nei giorni dopo cerco di mandare via stando un po' in più a riposo, per poi dopo forzare di più in allenamento quando si avvicina la partita".
 
L'obiettivo è centrare un altro scudetto: "Se vinciamo a Firenze la strada è in discesa - dice il difensore - il derby? Venivamo da un brutto momento, però neanche l'Inter l'avevamo vista così brillante, perciò l'occasione era importante e non potevamo farci superare in questo momento della stagione, per questo siamo entrati in campo molto determinati. I rimpianti in questo campionato sono tanti perchè anche quando abbiamo affrontato la Roma in casa potevamo vincere e invece abbiamo perso; con la Juventus che non era in un buon momento all'andata abbiamo perso. Ci sono state tante occasioni dove credo che saremmo potuti andare avanti, però va bene così. Sicuramente potevamo aver già chiuso il campionato, però è andata in questo modo. Il derby ci ha dato grandi convinzioni e grande entusiasmo, perciò dobbiamo sfruttare questo dopo-derby per queste ultime partite".