1
L'Aston Villa trionfa nella Next Generation Series, vincendo in finale per 2-0 contro il Chelsea con una doppietta su rigore di Burke. I Blues non sfruttano le tante occasioni avute nel primo tempo e finiscono per crollare nella ripresa. I Villans succedono così all'Inter nell'albo d'oro del Torneo.
 
Nel primo tempo il Chelsea fa subito vedere quanto può essere pericoloso davanti. Boga serve di tacco Baker che a sua volta, dopo un tunnel di classe, lancia in profondità Kiwomya. Il numero 7 dei Blues non riesce, però, a scavalcare Watkins, molto attento in uscita. I ragazzi di Dermot Drummy continuano ad impensierire la difesa avversaria con ottime combinazioni tra Kiwomya e Feruz. Proprio su quest'ultimo, è ancora una volta decisivo Watkins. I Villans provano a rispondere con un paio di iniziative di Burke, ma è sempre il Chelsea ad andare vicino al vantaggio.  Baker trova con un passaggio fantastico tra le linee Kiwomya che, dopo aver bruciato Donacien con una scatto impressionante, calcia a lato di pochissimo. I Blues non smettono di spingere e sfiorano, con Feruz, il gol dell' 1-0 in altre due circostanze. L'occasione più nitida per il Chelsea, però, ce l'ha Ake. Il centrocampista olandese, servito alla perfezione dal solito Kiwomya, si trova nell'area piccola a tu per tu con Watkins che, per l'ennesima volta, salva i suoi. Si chiude così sullo 0-0 un primo tempo di assoluta marca Blues.
 
Al secondo minuto della ripresa, arriva la svolta del match. Robinson scappa sulla sinistra a Christensen. Il danese riesce a ritornare sul numero 9 dei Villans, ma, una volta entrato in area, lo stende malamente. Rigore per l'Aston Villa. Dal dischetto si presenta Graham Burke e, proprio come nella semifinale contro lo Sporting Lisbona, la palla finisce in rete. Dopo un primo tempo di totale sofferenza, la squadra di Tony McAndrew passa incredibilmente in vantaggio. Il Chelsea accusa al colpo e non riesce più a produrre la stessa qualità di gioco del primo tempo. I Villans se ne rendono conto e vanno vicini al raddoppio con una gran conclusione a giro di Barton, respinta in angolo con un super intervento da Beeney. I Blues cercano di raddrizzare il risultato fino alla fine, ma la difesa dell'Aston Villa è organizzatissima e tiene botta. Al novantesimo, le cose si complicano ulteriormente per il Chelsea con l'espulsione, per doppio giallo, di Kiwomya. Come se non bastasse, al 92' arriva il colpo del definitivo ko. Barton si guadagna il secondo penalty della gara per i Villans e l'irlandese Burke è, come sempre, infallibile dagli 11 metri. 2-0 per l'Aston Villa e triplice fischio finale. La squadra di Birmingham si porta, così, a casa la seconda edizione della Next Generation Series, sotto gli occhi di Paul Lambert, allenatore della prima squadra.
 
Tra i giocatori dei Villans, premiati a fine partita da Roberto Samaden, direttore del settore giovanile dell'Inter, e Luca Facchetti, ex calciatore del Como e figlio di Giacinto, hanno brillato, in particolare, le stelle di Bradley Watkins, Riccardo Calder, Callum Robinson e Graham Burke. Watkins (portiere, 1994) è stato determinante con i suoi interventi, Calder (difensore, 1996) ha guidato la retroguardia come il più esperto dei difensori centrali e Burke (attaccante, 1993) è stato fondamentale, grazie alla trasformazione dei due rigori decisivi. E che dire di Robinson (attaccante, 1995)? Il giovane Callum è stato, senza dubbio, la sorpresa di giornata. Nel secondo tempo i difensori del Chelsea non riuscivano a stargli dietro. Su tutti Christensen, reo di averlo steso in area in occasione del primo rigore assegnato alla squadra di McAndrew. Nel Chelsea, invece, si sono messi in mostra, ancora una volta, Lewis Baker e Alex Kiwomya. Baker (centrocampista, 1995) è stato premiato come miglior giocatore del torneo, mentre Kiwomya (attaccante, 1996), nonostante l'espulsione nel finale, si è confermato come uno dei prospetti più interessanti del panorama giovanile europeo.
 
Tabellino:
 
Chelsea: Beeney, Christensen, Davey (dal 75' Colkett), Pappoe, Wright, Ake, Baker (c), Loftus-Cheek (dal 70' Hunte), Kiwomya, Feruz, Boga
Panchina: Killip, Dabo, Conroy, Musonda, Swift, Colkett, Hunte
Allenatore: Dermot Drummy
 
Ammoniti: Baker
Espulsi: Kiwomya
 
Aston Villa: Watkins, Webb, Kinsella, Calder, Donacien, Lewis, Barton, Carruthers (c), Robinson, Burke, Grealish
Panchina: Bateman, Grant, Toner, Crooks, Lyden, Abdo, Crowley
Allenatore: Tony McAndrew
 
Ammoniti: Carruthers, Burke
 
Marcatori: Burke (AV) 47', Burke (AV) 92'
 
Arbitro: Daniele Minelli