46
Cresce l’attesa per la finalissima di Coppa Italia in programma per l’11 maggio contro l’Inter allo stadio Olimpico di Roma, dove i bianconeri faranno il possibile per portare a casa l’unico ed ultimo trofeo stagionale rimasto a disposizione. Ma è inevitabile fare un bilancio su quanto è stato fatto in questa annata e soprattutto, iniziare a pensare anche alla stagione che verrà. Sul cammino della Vecchia Signora ha espresso il suo pensiero anche l’ex bianconero Antonio Nocerino che, ha rilasciato delle dichiarazioni in esclusiva a calciomercato.com.

Di cosa ti stai occupando ora?

‘Mi trovo ad Orlando e mi sto occupando della mia famiglia. Quest’estate uscirà il bando di Lega Pro e verrò in Italia per iscrivermi al corso’.

Facendo un bilancio, ti saresti aspettato qualcosa in più dalla Juve in questa stagione?
‘Sicuramente si. La Juve è una squadra con una rosa che, insieme all’Inter formano le due squadre più forti del campionato. All’inizio dell’anno gli obiettivi erano altri e di conseguenza potevano e dovevano fare di più. Da gennaio sono arrivati Vlahovic e Zakaria e si sperava in qualcosa in più che però non si è verificato. Ripeto, con una squadra del genere era imperativo fare meglio e lottare per lo Scudetto. Ad inizio anno gli obiettivi erano diversi e si parlava di togliere lo Scudetto all’Inter, poi sono arrivati due giocatori costati tanto ed è inevitabile avere aspettative maggiori. La Juve è uscita in Champions contro la nona in classifica della Liga e in Italia gli è rimasta solo la Coppa Italia e questo è troppo poco per la storia che ha questa squadra’.

Allegri è l’allenatore giusto per Vlahovic?

Io ho visto il Vlahovic di Firenze e adesso ne vedo un altro. La Fiorentina giocava in un certo modo, creava, attaccava e faceva gol, se non erro ha fatto 17 gol in 21 partite con la Viola e sole 6 reti con la Juve. Sicuramente non si è scordato come si gioca a calcio ma c’è qualcosa che non va. Non credo sia dovuto dal peso della maglia perché è uno che ha fame e vuole sempre mettersi in mostra, paradossalmente dovrebbe essere più semplice segnare quando sei alla Juve anziché alla Fiorentina perché giochi sempre nella metà campo avversaria e secondo me, se allontani Vlahovic dalla porta, fa molta fatica. A Firenze giocava più vicino alla porta e segnava molto di più, è un peccato vederlo così perché potrebbe segnare molto di più. Alla Fiorentina ci metteva molto meno tempo per fare un tiro, alla Juve invece è tutto più difficile. Mi aspettavo qualcosa in più da tutti’.
 
CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO.COM