586
Nuovi problemi in arrivo per Suning e quindi per Steven e Jindong Zhang, rispettivamente presidente e patron dell'Inter. Il Sole 24 Ore riporta le notizie arrivate nelle scorse ore da Hong Kong, secondo cui la Corte di giustizia della Regione amministrativa speciale della Cina ha condannato i due imprenditori al pagamento dei 250 milioni di dollari di debito contratti nei confronti della società finanziaria Great Matrix.

LE BANCHE INDAGANO - Quest'ultima contesta agli Zhang il fatto di non aver pagato quanto le spettava nonostante nei mesi scorsi Suning sia stata salvata dal fallimento dalla municipalità di Shenzhen e da Alibaba attraverso l'acquisto del 24% del suo pacchetto azionario. Per effetto del pronunciamento del tribunale che ha condannato Zhang padre e figlio al pagamento dei 250 milioni di dollari, anche le banche cinesi hanno iniziato ad interessarsi alla vicenda e starebbero indagando circa l'esistenza di eventuali beni in Italia di Steven Zhang,  presidente della divisione internazionale della holding. Se le azioni dell’Inter sono custodite nella “cassaforte” del Lussemburgo, secondo gli avvocati la strada del recupero porta direttamente ai beni di Steve Zhang, ovunque essi siano.
Per quanto riguarda invece Jindong Zhang, per effetto del salvataggio effettuato a favore di Suning i suoi beni in Cina sono stati bloccati per i prossimi tre anni e lui è stato costretto a dimettersi da ogni carica operativa all'interno di Suning.