Un'occasione dal Sudamerica, radar accesi dall'Europa. Come sempre. Perché Fabricio Oya, centrocampista classe '99 di grande talento, è uno di quei prospetti da tenere d'occhio: lo sanno bene i club italiani, questo ragazzo promette benissimo perché dotato di colpi di classe cristallina compatibilmente con una crescita fisica ancora da completare. Gioca del Corinthians, è il miglior prospetto del settore giovanile del Timao prodotto negli ultimi anni... con un dettaglio non da poco: ha il contratto a scadenza nel prossimo settembre, a breve diventerà un'opportunità a parametro zero. Di quelle davvero interessanti. PUNIZIONI E NON SOLO - Specialista nelle punizioni, Oya è il numero 10 della squadra giovanile del Corinthians con cui ha vinto recentemente la Sao Paulo Cup di cui è stato assoluto protagonista: tre assist e due gol, niente male per un centrocampista. Tanto che diversi club europei si sono mossi: il Milan lo conosce bene ed è sempre attento alle dinamiche sudamericane, la Roma con Monchi e i suoi uomini controlla tutto il mercato dei più giovani come sa a memoria di Fabricio Oya. Da marzo potrà firmare a costo zero con chiunque, il suo curriculum - seppur giovanissimo  giù stuzzica: Fabricio dopo diversi tornei giovanili col Corinthians ha vinto il Mondiale per Club Under 17 due anni fa quando è stato anche convocato dalla Seleçao, il Brasile Under 17, per la prima volta in carriera. Di recente è arrivata anche la chiamata con l'Under 20 brasiliana in occasione del Torneo di Tolone, in Francia; indicato da The Guardian come uno dei migliori 50 giovani talenti al mondo, Fabricio Oya ha tutte le carte in regola per far parlare di sé. Con quel contratto a scadenza che diventa tentazione per molti. Un'altra occasione dal Brasile, questa volta a costi ragionevoli. Anzi: un numero dieci a costo zero.