178

La Juve rimane la grande favorita per lo scudetto, ma, a conclusione del mercato estivo 2013, il Napoli merita il voto più alto. Dietro i partenopei e accanto ai bianconeri, c'è la Fiorentina di Montella. Alle loro spalle, la Roma, l'Inter e la Lazio. Poi tutte le altre. Uno per uno ecco i voti.

NAPOLI 10. Ceduto Cavani al Psg, sono arrivati giocatori che legittimano le ambizioni partenopee (Higuain, Albiol, Callejon, Rafael, Reina, Mertens, Zapata). De Laurentiis ha reinvestito i 64 milioni incassati per Cavani e ha speso altro denaro. Saldo passivo di 14 milioni di euro. Squadra rivoluzionata, Benitez è una garanzia anche in campo internazionale. Legittime le ambizioni di scudetto e di arrivare il più lontano possibie in Champions League.

FIORENTINA 9. Giuseppe Rossi, nel quale i Della Valle hanno creduto sin da gennaio e Gomez sono già superstar. Ma Ambrosini, Joaquin e Rebic promettono faville e il riscatto di Cuadrado è stato una mossa felice. Con rispetto parlando per Neto e Munua, a Montella manca soltanto un grande portiere. Il tecnico scommette sul brasiliano: i tifosi viola si augurano abbia ragione ll'uomo del quarto posto e del ritorno in Europa. Saldo attivo di 4,7 milioni di euro.

JUVENTUS 9. Conte ha sperato sino all'ultimo nell'arrivo di Nainggolan dopo avere storto il naso per le cessioni di Giaccherini e Matri. Ma né l'uno né l'altro erano mai stati titolari fissi dei campioni d'Italia che con Tevez, Ogbonna e, si spera, Llorente hanno fatto un salto di qualità. Il fenomeno annunciato è Pogba; avere resistito alle lusinghe per Vidal e Marchisio, dimostra quanto il club punti al tris scudetto e alla Champions League. Saldo passivo di 16 milioni di euro. 

ROMA 8. Dopo avere perso molto tempo alla ricerca del nuovo allenatore, Sabatini ha cambiato passo e la differenza si è vista. La scelta di Garcia si sta rivelando felice, anche se è prestoper emettere un giudizio definitivo; le partenze di Marquinhos, Osvaldo e Lamela sono state clamorose, ma gli acquisti di Strootman, Benatia, Ljajic, Gervinho e Maicon hanno compensato tutto. De Sanctis apporta quell'esperienza fra i pali che alla Roma era sempre mancata nelle ultime due stagioni. Saldo attivo di 32,4 milioni di euro.

INTER 7,5. Aspettando Thohir, Moratti ancora una volta ha messo mano al portafoglio per mettere a disisizine di Mazzarri un organico competitivo. Il saldo passivo di 41,5 milioni di euro è lì a dimostrarlo. Se Icardi e Belfodil sono state le operazioni più costose (23 milioni in due), anche il riscatto di Handanovic (8 milioni di euro) ha inciso sulla campagna nerazzurra. Miglior acquisto: Mazzarri. La sua squadra, assieme alla Roma, può diventare la mina vagante del campionato.

MILAN 7,5. Se Galliani avesse preso Astori o Sakho, avrebbe fatto il massimo. Ma, dopo il colpo Balotelli in gennaio, dopo non avere ceduto El Shaarawy, il Numero Due di Berlusconi ha preso Poli, Saponara (sperando che la pubalgia lo lasci finalmente in pace) e Matri. Colpo finale, Kakà, in un crescendo di sentimenti che ha fatto la gioia di molti tifosi rossoneri: il brasiliano farà molto meglio di quanto gufi e cassandre pronostichino in queste ore, ritenendolo un giocatore sul viale del tramonto, anche se ha soltanto 31 anni. De Jong pienamente recuperato è un "acquisto" importante, ricordando il gravissimo infortunio che l'aveva tolto di mezzo nella passata stagione. Saldo passivo di 13 milioni di euro.

ATALANTA 7. Bonaventura, Consigli e Denis sono rimasti; Cigarini è stato riscattato dal Napoli così come il ventunenne Baselli dal Cittadella. Pierpaolo Marino ha prolungato la comproprietà di Livaja sino al 2014. Colantuono ha a disposizione una rosa più forte e più competitiva.

CAGLIARI 7. Il voto non è certo per i soli acquisti di Oikonomou, Rui Sampaio e Ibrahimi. Ma per non aver ceduto Agazzi, Astori, Nainggolan, Sau e Pinilla, fondamentali nel brillante campionato 2012-2013 e, presumibilmente tali anche nel torneo appena iniziato. Cellino sa quel che fa: ha promesso Nainggolan alla Juve per gennaio, ma solo se il Cagliari avrà conquistato punti pesanti. Saldo zero: 3 milioni incassati, 3 milioni spesi.

PARMA 7. L'ultimo arrivo si chiama Obi, dopo Cassano, Cassani, Gargano, Felipe, Munari e gli altri. Naturalmente è Cassano il protagonista più atteso, ma Donadoni sa quanto conti la forza del collettivo. Avere trattenuto Biabiany l'aiuterà senz'altro. Saldo attivo di 4,9 milioni di euro.

LAZIO 6,5. Dopo il trionfo del 26 maggio nella storica finale di Copa Italia, Lotito si era portato avanti con il lavoro: rosa svecchiata; un talento assoluto del calibro di Anderson diventato finalmente bianconceleste dopo i patimenti di gennaio; Biglia è già una certezza. Mancava il vice Klose: ma né Yilmaz né Matri sono arrivati. Kozak è andato all'Aston Villa e c'è Perea, giovane di belle speranze. Ma potrebbe non bastare. Così com'è, la Lazio e' un'incompiuta. Saldo passivo di 10,5 milioni di euro.

VERONA 6,5. Donati, Toni e Jankovic sono rinforzi preziosi, la neopromossa ha agito con sagacia per coniugare l'esperienza dei veterani al talento dei giovani. Mandorlini sa quanto sia difficile la battaglia per la salvezza. Anche Donadel, l'ultimo arrivato ieri sera, gli darà una mano. Di Iturbe, preso dal Poto, si dice un gran bene: i tifosi gialloblù ci sperano. Saldo passivo di 7,5 milioni di euro.

SAMPDORIA 6,5. Icardi è partito, ma è arrivato Gabbiadini. Petagna, Regini e Salamon sono tre talenti che cresceranno alla scuola di un maestro come Delio Rossi. Da Costa ha la grande occasione per conquistarsi definitivamente la maglia titolare. Bjarnason può fare ancora meglio della sua prima stagione in A con il Pescara. Saldo attivo di 10 milioni di euro.

LIVORNO 6,5. Insieme con Bardi, Emeghara è l'acquisto più prezioso di Spinelli che ha resistito alle lusinghe per Paulinho e, dall'Inter, oltre al portiere vicecampione d'Europa con l'Under 21, ha ottenuto Mbaye, rinnovando nel contempo il prestito di Duncan. Biagianti e Greco sono due elementi affidabili per Nicola, debuttante senza paura. Saldo passivo di 1,8 milioni di euro.

CATANIA 6,5. Alla fine, Barrientos è rimasto e questa è certamente una buona notizia per i tifosi etnei, che avevano visto partoire a malincuore Gomez, Lodi, Marchese e Biagianti. Pulvirenti ha agito con un occhio al biancio e l'altro al valore di una squadra protagonista di uno storico piazzamentonell'ultimo torneo oltre che capace di stabilire un nuovo record di punti in A. Al resto penserà Maran. Saldo attivo di 1,2 milioni di euro.

CHIEVO 6. Ardemagni in prestito oneroso completa l'attacco di Sannino che ha rischiato di perdere Thereau e sta rilanciando Paloschi. Estigarribia indossa la sua terza maglia italiana, dopo Juve e Samp ed è il mastino che il tecnico voleva in un centrocampo dove Radovanovic può offrire un contributo prezioso. Saldo attivo di 2 milioni di euro.

TORINO 6. A Ventura manca uno come Pegolo, che il Sassuolo ha soffiato ai granata sul filo di lana.  Ma Cerci è stato riscattato dalla Fiorentina, Immobile è arrivato insieme con Bovo, Farnerud, Larrondo, Moretti, Pasquale ed El Kaddouri. Migliore acquisto: l'allenatore. Saldo passivo di 6,6 milioni di euro.

UDINESE 5,5. Strano, stavolta i friulani che sotto l'aspetto squisitamente economico ancora una volta hanno fatto bingo, rimediano un'insufficienza in ambito tecnico e non soltanto perché sono già inopinatamente usciti dall'Europa League. Il problema del portiere è permanente, sia detto con la massima considerazione nei confronti di Ivan Kelava. Il quale, però, ha inanellato troppe incertezze aspettando il rientro di Brkic e i bianconeri hanno subito pagato pegno. Per il resto, dal tourbillon sull'asse Udine-Watford, Granada non è arrivato nessun nuovo titolare. Ora tocca a Guidolin ricaricare le pile di una squadra delusa dall'insuccesso europeo. Saldo attivo di 29, 3 milioni di euro.

BOLOGNA 5,5. Miglior acquisto: Pioli che però non s'aspettava la partenza di Taider e non l'ha mandato a dire in società. Diamanti è rimasto, Rolando Bianchi è arrivato, ma sono partiti Gilardino e Gabbiadini. Cech, Cristaldo, Della Rocca, Mantovani e Laxalt, con titoli diversi figurano sotto la voce arrivi. I tifosi emiliani sperano siano sufficienti. Saldo attivo di 9,6 milioni di euro.

SASSUOLO 5,5. Floro Flores è il rinforzo preso in extremis per rianimare la neopromossa dopo la falsa partenza nel suo primo campionato di serie A. L'ex genoano si affianca a Rosati, Rossini, Kutic, Marrone e Zaza. Sei acquisti per cambiare l'identità collaudata di una formazione che in B aveva stupito quanto a gioco e condiizone atletica. Di Francesco ha un grande lavoro davanti a sè.

GENOA 5. Un altro ribaltone, un altro stravolgimento d'organico, con un allenatore debuttante assoluto che merita fiducia, una girandola di arrivi e partenze che sconcerta. Bizzarri, Calaiò e Stoian sono gli arrivi dell'ultim'ora. Vanno ad aggiungersi a Marchese, Lodi, Antonini, Perin,Vrsaljko, Cofie, Centurion, Santana, senza dimenticare il ritorno di Gilardino che però, sino all'ultimo, è stato in procinto di trasferirsi alla Juve. Le prime due stecche hanno suscitato allarme nei tifosi. La cui preoccupazione è legittima.

Xavier Jacobelli

Direttore Editoriale www.calciomercato.com