Commenta per primo
Palermo-Inter 1-1
 
Sorrentino 7
Il portiere rosanero regala serenità a tutto il reparto, e si fa sentire quando serve. Dimostra di essere il capitano senza timore di smentita. Tre miracoli negano all'Inter la vittoria.
 
Struna 6
In netta crescita rispetto alle scorse partite, ha la fiducia dei compagni e capisce quanto importante può essere il suo apporto in fase di copertura.
 
Gonzalez 6,5
E' tornato il "Pipo" della scorsa stagione, ogni volta che gli avversari arrivano dalle sue parti si vedono sbarrare la strada. Il ritiro gli ha fatto bene.
 
Andelkovic 6
Seconda da titolare per Sinisa e seconda prestazione sopra la sufficienza per uno degli inamovibili della scorsa annata. Nel secondo tempo subisce le offensive per via centrale, ma fa ben sperare per il futuro.
 
Lazaar 6
Ordinaria amministrazione per il marocchino, ordinato nel suo compito da quinto di centrocampo. Senza strafare, come chiede Iachini. Da rivedere in fase di copertura, dove subisce un po' troppo.
 
(81' Daprelà s.v)
 
Rigoni 6
Sembra ancora lontano da quel Luca Rigoni che lo scorso anno aveva guadagnato i consensi di tutti, tranne che del ct Antonio Conte.
 
(93' Chochev s.v)
 
Hiljemark 6
Fattore aggiunto del centrocampo, unisce la mobilità alla visione di gioco, ma brucia tutte le energie nella prima frazione di gioco. Lascia spazio a Quaison al quindicesimo della ripresa.
 
(64' Quaison 6)
Il suo ingresso è linfa vitale per la manovra offensiva rosanero, ma a volte sbaglia un controllo di troppo. Per conquistare fiducia nei propri mezzi deve giocare.
 
Maresca 7
Iachini gli affida le chiavi della metà campo, e l'ex centrocampista del Siviglia dimostra che nonostante le primavere sulle spalle può ancora dare tanto al nostro campionato. E' l'uomo che serviva al Palermo.
 
Rispoli 6,5
Un motore perpetuo sulla fascia destra, non si ferma mai. Aspettando il rientro di Morganella, Iachini può dormire sogni tranquilli.
 
Vazquez 6,5
L'ammonizione per simulazione del primo tempo è una macchia che incide sulla sua votazione. Il "mudo" insegna calcio, e ne godono tutti i compagni. Regala la superiorità numerica alla squadra in più di una circostanza, in tutti i sensi: è lui che fa espellere Murillo. 
 
Gilardino 7
Così come per Gonzalez, sfrutta a pieno il ritiro di Gradisca d'Isonzo guadagnando minutaggio sulle gambe. Sigla il gol numero 180 in Serie A e non sbaglia un pallone. Poteva evitare l'ammonizione nei minuti finali, ma questa sera i tifosi gli perdonerebbero tutto.
 
All. Iachini 6
Il tecnico rosanero legge bene la partita, specie in occasione dell'ingresso di Quaison dopo la rete del vantaggio ospite. A Napoli potrebbe optare per un massiccio turn-over.