Commenta per primo

Il presidente del Palermo Maurizio Zamparini parla a Mediagol.it della sconfitta contro il Napoli e delle responsabilità di Bortolo Mutti.
 
ZAMPARINI a Mediagol: “Arrabbiato come i tifosi dopo sconfitta”
Lo sconcertante secondo tempo disputato dal Palermo contro il Napoli e la terza sconfitta interna consecutiva se si considera anche l’eliminazione patita in Tim Cup contro il Siena, hanno turbato non poco i tifosi rosanero ed anche il patron Maurizio Zamparini che, intervistato in esclusiva dalla redazione di Mediagol.it, ha commentato con amarezza il tonfo degli uomini di Mutti contro i partenopei. “Il mio umore è identico a quello di tutti i tifosi palermitani, sono arrabbiato e preoccupato, come volete che sia, il mio umore è nero sto lavorando da ieri sera per questo vedremo un momentino di chiarire le cose col mister, c’è una chiara responsabilità ammessa dallo stesso Mutti lui ha fatto un errore tattico stravolgendo la squadra tra primo e secondo tempo, è una situazione che non dovrà più succedere in futuro”.

ZAMPARINI: “CON NAPOLI CHE ERRORI DI MUTTI!”
Il modulo a rombo proposto nel primo tempo contro il Napoli dal tecnico rosanero Mutti aveva comunque dato buone indicazioni. A prescindere dal parziale svantaggio al termine della prima frazione, il Palermo aveva dato, infatti, la sensazione di tenere botta e di avere un buon equilibrio riuscendo anche a creare tre palle goal clamorose ed a mettere spesso in crisi il dispositivo difensivo di Mazzarri. L’uscita di Vazquez ed il cambio di modulo è apparsa ai più come una scelta incomprensibile sconfessata poi in maniera clamorosa dal verdetto del campo che ha premiato senza appello la squadra partenopea. Dello stesso avviso è il presidente rosanero Maurizio Zamparini, come lui stesso ha spiegato intervistato in esclusiva dalla redazione di Mediagol.it. “Personalmente ero contento alla fine del primo tempo pur essendo sotto di un gol perche avevo visto in campo una buona squadra, una formazione competitiva che poteva, pur con tutte le incongruenze e mancanze che noi abbiamo come le assenze di Ilicic, Pinilla, Hernandez, Zahavi e Pisano.  Il Palermo pur con tutte queste mancanze, aveva fatto bene primo tempo – ha spiegato Zamparini in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it - dopo purtroppo io sono andato via nell’intervallo ho rivisto la gara intera ieri sera a casa mi sono arrabbiato come una belva non riuscivo a capire le scelte come non avete  capito voi. Abbiamo un allenatore umile e di buon senso ha detto che pensava di far bene e ha fatto male, bisogna stargli vicino. L’errore l’ha fatto perché probabilmente non conosce ancora bene la squadra, il Napoli è una grande squadra che se sbagli ti castiga, gli abbiamo consegnato totalmente il centrocampo nel secondo tempo”.

ZAMPARINI: “IERI CENTROCAMPO AL NAPOLI, COLPA MUTTI. MUNOZ…”
L’errore commesso ieri da Bortolo Mutti nello stravolgere uomini e schemi di una squadra che stava giocando comunque alla pari col Napoli è apparso evidente. Lo stesso tecnico rosanero, con l’onesta intellettuale che lo contraddistingue, lo ha candidamente ammesso nel post partita. Errore sottolineato anche dal presidente rosanero Maurizio Zamparini che completa la sua disamina della gara in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it. “Direi che abbiamo pagato caro lo scotto della non conoscenza ancora dell’allenatore delle caratteristiche di tutti i giocatori in organico. Naturalmente, quando un  tecnico fa una scelta del genere pensa di fare il bene della squadra, come fate notare voi che ve ne intendete, il centrocampo è il fulcro di una squadra e noi ieri nella ripresa l’abbiamo consegnato al Napoli - ha spiegato Zamparini in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it - Nel primo tempo avevamo una buona densità centralmente e loro andavano sugli esterni, è in quella zona che ci hanno fatto male, se prendiamo in esame il primo gol subito nasce da un cross con quattro dei nostri schierati ma nessuno fa i tagli giusti. Pandev riesce a girarsi con Munoz in marcatura? Questo accade per la poca esperienza del ragazzo che cercava di anticiparlo  ma quando tu sei in corsa , se l’attaccante è furbo ti rifila un tocchetto che ti sbilancia ed il gioco è fatto. Ed è quello che è successo ieri al nostro giocatore che, fra l’altro, aveva giocato bene fino a quel momento e lì ha soltanto fatto un unico errore di inesperienza ma un giocatore navigato come Pandev un giochino del genere può farlo a qualsiasi difensore, anche della nazionale”.