Commenta per primo
Atalanta-Palermo non è mai stata una trasferta abbordabile per i colori rosa, figuriamoci nell'ultimo appuntamento del 2014, e tanto più, se consideriamo che i padroni di casa sono reduci da una pesante sconfitta all'Olimpico contro la Lazio. Da quando il Palermo è tornato in Serie A, stagione 2004/05, si contano solo due vittorie all'Atleti Azzurri d'Italia: 1-3 (07/08) e 1-2 (09/10) con la qualificazione Champions sfuggita per un soffio. 

Utile considerare che in quel di Bergamo si segna poco, anzi pochissimo (l'Atalanta ha messo in porta otto reti in quindici giornate di campionato). Ben undici in meno rispetto al bottino realizzativo degli Iachini Boys, che lontano dal Renzo Barbera hanno sempre timbrato il cartellino (fatta eccezione delle sfortunate trasferte dello "Juventus Stadium" e di Empoli, guarda caso chiuse con due sconfitte). 

Per la terza partita di fila, mancherà all'appello il capitano Edgar Barreto: l'allenamento differenziato e le cure dei fisioterapisti gli permetteranno di recuperare già a partire dalla gara contro il Cagliari dell'Epifania, ma salterà l'appuntamento con la sua ex squadra (due stagioni tra il 2009 ed il 2011) di domenica pomeriggio.

Sarà una sfida particolare anche per il "gallo" Andrea Belotti, fresco di cresta alzata in occasione dell'ultima contro il Sassuolo e pronto a far visita al suo vecchio stadio, anche se con i colori dell'altra squadra cittadina, l'Albinoleffe. Per lui sarà un derby, all'indomani del suo ventunesimo compleanno. Sperando che il regalo, anche questa volta, lo faccia lui...