4
Joao Mario e Romario Barò i nomi più altisonanti nella meravigliosa cavalcata europea della formazione Under 19 del Porto, vincitore dell'ultima edizione di Youth League. Ma non è passato inosservato agli occhi più attenti nemmeno il talento purissimo di Fabio Vieira, mezzala classe 2000 che anche nell'Europeo di categoria in corso in Armenia ha trascinato i suoi fino all'atto finale contro la Spagna.

STREGATO CONCEICAO - Un gol, bellissimo, su calcio di punizione, proprio contro le Furie Rosse nella fase a gironi è il biglietto da visita migliore, ma sarebbe limitativo prendere per buono solo questo. Nell'Europeo di Fabio Vieira c'è un repertorio decisamente più vasto, fatto di visione di gioco, grande abilità negli spazi stretti e un piede sinistro molto educato. Che ha fatto innamorare anche Fabio Conceiçao, allenatore della prima squadra, che si era convinto a concedergli una chance durante la preparazione prestagionale, prima della chiamata della nazionale Under 19. La dimostrazione tangibile che i Dragoes siano convinti di avere tra le mani un prospetto di campione, un giocatore che per caratteristiche può essere il sostituto in casa di Oliver Torres, accasatosi da poco al Siviglia.

LA JUVE LO STUDIA - In patria lo paragonano già a uno degli uomini di mercato del momento, quel Bruno Fernandes che, dopo l'apprendistato italiano a Novara, Udine e Genova, sponda Samp, è pronto a spiccare il volo con destinazione Manchester United. Raffronto che ci sta, per qualità tecnica e balistica dalla distanza, ancora affrettato considerando che Fabio Vieira ha bisogno di rafforzare il fisico ed è ancora a corto di esperienza, non avendo ancora esordito a livello professionistico. Non è servito a evitare al Porto di erigere un muro nei confronti delle pretendenti, tra cui quella Juventus che aveva già messo gli occhi al compagno di squadra Romario Barò. Contratto rinnovato lo scorso dicembre fino al 2022 e clausola rescissoria già portata a 40 milioni di euro.